www.pompieremovies.com

Articoli con tag “virtuale

THE SOCIAL NETWORK

USCITA CINEMA: 12/11/2010.


REGIA: David Fincher. SCENEGGIATURA: Aaron Sorkin.

ATTORI: Jesse Eisenberg, Andrew Garfield, Brenda Song, Justin Timberlake, Armie Hammer.


PAESE: USA 2010.
GENERE: Commedia, Drammatico. DURATA: 120 Min.




VOTO: 7


Il social network del titolo è, in realtà, un social business. Si arriva a parlare del più famoso aggregatore “internettaro” dei nostri tempi solo dopo che si è lasciato l’intero spazio a duelli, più o meno leciti, tra il genio sgobbone di Mark Zuckerberg (il sempre più bravo Jesse Eisenberg che pronuncia le battute in un meraviglioso tono categorico), l’amico del cuore (facciamo pure l’amico del ventricolo destro) Eduard Saverin, prima finanziatore e socio ufficiale, e poi sponsor reciso, i prestanti gemelli Winklevoss, più bravi con i muscoli e il canottaggio che non col cervello, e lo sfacciato Sean Parker (Justin Timberlake), l’inventore di Napster che fiuta l’affare del secolo e si inserisce nella contesa. Tutti allegramente riuniti a rispondere di cause legali sulla paternità della neonata community virtuale, riempiono le immagini del film parallelamente alle loro esperienze passate, tra Harvard e dintorni.

Eh sì, perché “The social network” è come un “Wall Street” in miniatura, vuoi per l’impatto che determina a livello finanziario (l’avidità e il narcisismo non sono elementi nuovi in coloro che diventano milionari), vuoi per l’attenzione prestata verso una ristretta cerchia di geni: gli studenti universitari un po’ imberbi eppure decisamente consapevoli del loro potenziale.

C’è un grande lavoro di sceneggiatura a rinforzare le spalle dell’opera: lo scritto di Aaron Sorkin è quasi logorroico, veloce, scattante, si presta magnificamente a un ritmo registico sostenuto che Fincher ben conduce. Furbescamente si spazia da temi universali quali l’amicizia, l’inganno, la gelosia, la rivincita, il denaro e il sesso (qualcuno ha pure detto che Facebook sia nato proprio per facilitare quest’ultimo tipo di relazioni): tutti elementi che, nella loro correttezza espositiva, poco aggiungono a quello che già sapevamo, pregiudicando un po’ di emotiva partecipazione e favorendo un’aura documentaristica interrotta ogni tanto da quella legale.

Facebook è il cartello che ci siamo voluti appiccicare al collo, il manifesto delle nostre situazioni sentimentali, dei nostri gusti sessuali, degli hobby, dei posti che frequentiamo. Le foto condivise coincidono con una vita strettamente privata, svenduta a una società mortificata dalla solitudine la quale, affamata di storie altrui, da’ a se stessa l’illusione di esistere.

Annunci

AVATAR 3D

Regia e sceneggiatura: James Cameron.

Attori: Sam Worthington, Sigourney Weaver, Giovanni Ribisi, Michelle Rodriguez, Zoe Saldana, Joel David Moore, Laz Alonzo, Wes Studi, Stephen Lang, Peter Mensah, CCH Pounder.

Musiche: James Horner.

Paese: USA 2009. Uscita Cinema: 15/01/2010. Genere: Azione, Fantascienza, Avventura. Durata: 166 Min.




VOTO: 8,5


Da “Soldato blu” a “Balla coi lupi”, da “Pocahontas” al Kunta Kinte di “Radici” (per chi lo ricorda), da “Dune” al più recente “District 9”; potremmo immaginare in uno qualsiasi di questi lo spunto per la stesura della sceneggiatura di AVATAR. Non è quindi l’originalità della trama il punto forte del film di James Cameron; abbiamo già sentito storie di “bianchi”/”terrestri” che si credono i padroni del “mondo”/”universo” e arrivano a colonizzare il “nuovo mondo”/”pianeta”, alla ricerca di favolose fonti di ricchezza, disposti finanche allo sterminio di massa, al quale danno la valenza di un “giro di birra per tutti”.

E pensandoci bene, in tutti i documenti, trailers, teaser e speciali vari che hanno fatto da “anteprima” alla pellicola (arrivata il 15 gennaio nelle nostre sale), la produzione non punta certo i riflettori su una trama inedita, ma sottolinea la spettacolarità del film in tutti i suoi aspetti, tanto da definirlo una “svolta” nella storia del cinema per come lo abbiamo inteso fino adesso.

Al punto che lo sceneggiatore (ovvero lo stesso James Cameron) nemmeno si sofferma molto nell’approfondimento dei vari personaggi (e non sono pochi), né della loro storia, né tantomeno del perché faranno quello che andranno a fare (perdonate il gioco di parole); giusto qualche pennellata di background del protagonista, quasi a dire: “tanto lo sapete tutti come vanno queste storie qua…”. E’ questo che in effetti ha incrinato il mio giudizio sul film e influenzato il mio voto, che pure non assestandosi a livelli di capolavoro, rimane molto alto.

Devo ammettere che fin dalle prime scene ci si trova subito in confidenza con le situazioni proposte e si arriva subito al “sodo”. Jake Sully (la nuova stella di Hollywood Sam Worthington), ex Marine confinato su una sedia a rotelle, viene reclutato per raggiungere Pandora, incredibile mondo dai tratti più fantastici che fantascientifici, dove si estrae un preziosissimo minerale, chiave di volta per contenere la crisi energetica sulla Terra. L’atmosfera di Pandora è tossica per l’uomo, ed è grazie alla dottoressa Grace Augustine (Sigourney Weaver) e al suo “Programma Avatar”, che un corpo organico controllato a distanza da “piloti” umani può sopravvivere nell’atmosfera letale, collegando le loro coscienze ad un “avatar”. Questi avatar sono degli ibridi geneticamente sviluppati dal DNA umano unito al DNA dei nativi di Pandora, i Na’vi. Grazie al suo corpo di Avatar, Jake può camminare nuovamente; gli viene affidata la missione di infiltrarsi tra i Na’vi, diventati l’ostacolo maggiore per l’estrazione del prezioso minerale. Ma una volta cominciata la missione Jake si perde sulla superficie selvaggia e letale della lussureggiante Pandora, ed è la bellissima principessa Na’vi, Neytiri (Zoe Saldana) a salvare la vita a Jake.

Parliamo del 3D.

Grazie alle recenti innovazioni tecnologiche in ambito di riprese, si ottengono risultati normalmente già di per se’ spettacolari. Questo non significa però che avere questa tecnologia a disposizione basti per confezionare un bel prodotto; troppo spesso assistiamo a puri esercizi tecnici, all’interno dei moderni film e cartoni in 3D, fini a se stessi, allo stupore di chi guarda, e non alla storia. La trama allora si sfalda letteralmente e lo spettatore, una volta terminato il film, ricorderà la caduta nel vuoto con la ghianda o il pugno che sembrava arrivargli davvero in faccia, ma tra qualche tempo queste “impressioni” tenderanno a svanire lasciando il vuoto; certe pellicole cosiddette “commerciali” non si pongono altri obiettivi che non siano gli incassi cinematografici.

In AVATAR c’è un lavoro di squadra, non solo tecnico, e tutti i tasselli di questo magnifico puzzle vanno a combaciare come le tessere colorate di un sorprendente mosaico. La tecnica del moderno 3D, viene in questo caso utilizzata per la realizzazione di tutta la pellicola (ricordo che il film viene proiettato anche in modalità NON 3D), in modo diverso, più o meno intenso ma comunque in ogni momento, sottolineando i piccoli particolari degli interni e le enormi vastità dei paesaggi esterni durante le incursioni da “guerriglia”.

La natura “tridimensionale”, se così si può dire, dell’opera (solo così può essere definita: non è solo un film, non è solo una storia) ci fa immergere completamente, è proprio il caso di dirlo, “all’interno” del grande schermo con i nostri sensi disorientati e istintivamente attivati, pronti a soffrire di vertigini per una veduta aerea o un salto nel vuoto, oppure a scansare con la mano oggetti che ci nascondono (ad arte direi) la visuale per vedere cosa sta accadendo dietro. Una vera e propria “esperienza emozionale” che coinvolge in un modo che non è facile descrivere e che va, a mio avviso, semplicemente provata.

Non ci sono dubbi sul fatto che AVATAR rappresenti una vera e propria innovazione (e forse anche la svolta paventata dal suo creatore) nel modo di fare cinema, viste le vere e proprie “creazioni” tecnologiche realizzate appositamente, non solo per gli effetti nelle riprese, ma anche per consentire a tutti gli operatori, a tutti i livelli, di girare un film del genere in MODO totalmente nuovo.

Speciali videocamere virtuali, veri e propri concentrati di computer grafica che elaborano in tempo reale le immagini degli attori in carne ed ossa e dei personaggi digitali, che poi interagiscono con un mondo completamente virtuale già sotto l’occhio del regista, nel momento stesso della ripresa. Inoltre, l’adozione di un’avanzata elaborazione della tecnica “performance capture”, che consente di “rilevare” l’espressione dell’attore umano per “infonderla” nella corrispondente copia digitale è arrivata ad ottenere un effetto che ha sicuramente, e a tutto titolo, del “fenomenale”.

Alla fine del film, togliendo gli occhialini 3D e scuotendosi di dosso il coinvolgimento che la rappresentazione induce nello spettatore, ci si chiede se le fantastiche creature che popolano Pandora non esistano veramente e abbiano appena finito di recitare per noi sul palcoscenico.

Menzione speciale, a mio parere, va all’atletica, brava e bella Zoe Saldana (l’avete già vista tra l’altro sul set dell’ultimo “Star Trek” nei panni dell’avvenente Uhura), che regala al suo avatar un’espressività di un gradino superiore a tutti gli altri personaggi e splende luminescente come gli esotici fiori di Pandora, elegante, sempre sinuosa, mai impacciata, completamente credibile nel ruolo della principessa con “gli attributi”.

Pocahontas alla riscossa, quindi? Può darsi, ma Zoe convince tutti e porta a casa il film, il quale alla fine della proiezione riceve un lungo applauso spontaneo di tutta la sala; secondo me Cameron è già lì a spazzolare lo smoking per la cerimonia dei “Golden Globe” e degli “Oscar”.

E all’applauso mi sono unito pure io.