www.pompieremovies.com

Articoli con tag “tempo

POETRY

USCITA CINEMA: 01/04/2011.


REGIA e SCENEGGIATURA: Lee Chang-dong.
ATTORI: Yun Jeong-hie, Ahn Nae-sang, Lee Da-wit.


GENERE: Drammatico. PAESE: Corea del Sud, 2010. DURATA: 139 Min.

http://www.tuckerfilm.com/film/poetry.html

VOTO: 10

Fermarsi ad ascoltare il suono del vento mentre accarezza le fronde degli alberi. Scoprire che una mela non è solo banale colore riflettente la luce, ma anche sostanza, gusto, odore. Proporsi al prossimo senza esitare, eliminando ogni inibizione e paura di scocciare, riscoprendo quel molesto approccio infantile un po’ birichino e intraprendente (altro…)


IN TIME

Genere: fantascienza, poliziesco, thriller. Durata: 109 min.

Diretto da Andrew Niccol. Interpreti: Justin Timberlake, Amanda Seyfried, Cillian Murphy, Vincent Kartheiser.


USA 2011 – Distribuito in Italia dal 17 febbraio 2012.

VOTO: 5,5

In un avvenire distopico, uomini progettati per smettere di invecchiare a 25 anni corrono contro il tempo. Il loro problema infatti è che potrebbero vivere più a lungo solo guadagnando altro tempo. I ricchi possidenti di risorse temporali sono in grado di prendersela comoda e vivere per sempre, mentre i più poveri devono scarpinare duro tra fabbriche che retribuiscono sempre meno e costo della vita che sale.

Will Salas (un Justin Timberlake quasi sempre verosimile e autoritario) ha ancora 24 ore. La madre (altro…)


MIDNIGHT IN PARIS

Un film di Woody Allen.

Con Owen Wilson, Rachel McAdams, Michael Sheen, Nina Arianda, Kurt Fuller.

Commedia, durata 94 min. – USA, Spagna 2011. – Medusa. Uscita: venerdì 2 dicembre 2011.

VOTO: 5

“Un film privo di umorismo e credibilità. Ma io e John abbiamo riso senza ritegno”. È il giudizio della madre di Inez (Rachel McAdams) a proposito di una pellicola americana, di cui non ricorda ne’ il titolo ne’ la trama, appena vista in un cinema di Parigi. Ed è un po’ quello che accade assistendo al résumé francese dell’infinito European Tour a cui si sta dedicando Woody Allen da un po’ di tempo a questa parte: lo vedi, e poi dimentichi con piacere trama e contenuto.

Lontano da New York, il regista tenta sbiaditamente di anteporre (ancora) la finezza di scrittura alle dozzinali produzioni hollywoodiane, illudendosi-ci che bastino due battute messe in croce per potersi in qualche modo schierare contro quelle produzioni di film e serie televisive esibite con (altro…)


SOURCE CODE

USCITA CINEMA: 29/04/2011.


REGIA: Duncan Jones.
ATTORI: Jake Gyllenhaal, Vera Farmiga, Michelle Monaghan, Jeffrey Wright, Russell Peters.


PAESE: USA 2011. GENERE: Fantascienza, Thriller. DURATA: 93 Min.




VOTO: 5,5

Sean Fentress (Jake Gyllenhaal) era un’insegnante di storia, il Capitano Colter Stevens (Jake Gyllenhaal) un elicotterista dell’esercito, ovviamente americano, in missione per conto di Zio (Sam). Donnie Darko (Jake Gyllenhaal) era una specie di eroe depresso e romantico. Adesso, in “Source Code”, Jake Gyllenhaal è un insieme di tutti questi personaggi. Anche lo specchio pare indeciso, riflettendo un’immagine che non è la sua. Prendendo in prestito la primitiva imbranataggine tipica di certi docenti (soprattutto quando sono gettati in pasto a congegni fantascientifici poco avvezzi alla loro indole), la risolutezza di certi soldati, e un viaggio nel tempo (il quale in verità  assomiglia in questo caso più a un loop che a un wormhole), l’eroe della storia (presentato attraverso l’uso di tanti nomi per confondervi un po’) è convinto di partecipare a una simulazione, probabilmente ideata da quel manipolo di burloni dei suoi amici (?) militar-governativi. E così se ne sta bel bello sul treno delle 7.40, nell’ora di punta, e gli basterebbero ancora 8 minuti per giungere verso Chicago. Solo che quel treno esploderà, e lui dovrà scoprire, uscendo e rientrando continuamente da quei brevi giri d’orologio, chi è l’attentatore e come ha fatto a far saltare in aria quel maledetto convoglio blindato (sul quale non funzionano i freni di emergenza, deprecabili tecnici USA!).

Partendo da presupposti che tirano in ballo la fisica quantistica, il calcolo parabolico, le mappe sinaptiche e altre cazzate del genere, lo spaesamento del povero Gyllenhaal si manifesta attraverso aggressioni gratuite ai passeggeri tanto che, prendendo a cazzotti un po’ tutti (neri, bianchi, gialli), prova alla cieca a evitare l’attentato. Inizialmente un po’ duro di comprendonio, non è un bel vedere mentre recita roteando gli occhi e la testa nel tentativo di risultare apprensivo. Il bello è che deve fare tutto da solo, senza l’inquinamento di tanti effetti speciali che di solito riempiono le scene di film come questo.

Tuttavia l’artificiosa “riassegnazione del tempo sta alla rassegnazione dello spettatore” come il “continuum temporale sta al cortocircuito emozionale”, in un’equazione matematica inventata qui per qui giusto per prendere in giro la protervia dello scritto. E’ troppo facile insinuarsi nell’ostinazione scientifica di questa sceneggiatura. Il film predica il valore della vita, quando non è in grado di discernere tra il suo rispetto e lo sfruttamento; oltretutto non tenendo conto dell’importanza della salute cinematografica, sempre più irrimediabilmente compromessa nelle mani di certi trascurabili figuranti.

Come in “Moon”, il sopravvalutato esordio sempre diretto da Duncan Jones, il protagonista parla con il mondo esterno attraverso un monitor, ha desideri semplici e molto umani (il tentativo di parlare col padre), e si trova chiuso in una specie di sarcofago transitorio nel quale “opera” in semisolitudine; dalla base lunare siamo passati a una capsula-tomba. Jones, figlio di David Bowie, ha il pregio di mantenere una limpidezza registica che a tratti intriga e ci avvicina a una sgradevole sensazione claustrofobica. Prima di parlare della nascita di un Autore, a mio avviso bisognerà attendere ancora: troppi riferimenti in carta carbone, deboli e un po’ inconsistenti sono stati esibiti fin qui perché si possa individuare un’impronta originale e significativa.

Ma ritorniamo all’eroe tanto citato all’inizio, che altrimenti scadono gli 8 minuti. Jake, io ti voglio bene. Sono convinto che tu sia uno dei più bravi attori in circolazione. Non farti azzerare la memoria da queste sciocchezze, non cedere alle facili lusinghe di un finale dalla lacrima artificiale: l’esplorazione spirituale e l’approfondimento morale arrivano troppo tardi per emozionare davvero. La prossima volta scegliteli meglio i film, Donnie mio caro.


LO SPAZIO BIANCO

USCITA CINEMA: 16/10/2009.


REGIA e SCENEGGIATURA: Francesca Comencini.
ATTORI: Margherita Buy, Salvatore Cantalupo, Guido Caprino, Maria Paiato, Gaetano Bruno.


PAESE: Italia 2009. GENERE: Drammatico. DURATA: 98 Min.




VOTO: 7


Maria (Margherita Buy) gode di un appartamento con una splendida terrazza. Lì trascorre in solitario le serate. Sullo sfondo, una Napoli rumorosa e accattivante insieme. In questo modo cerca di esaltare quel tempo decelerato, difficile da sopportare, perché la sua bambina è nata prematura, dopo appena 6 mesi di gestazione, ed è costretta all’interno di un’incubatrice, dentro quell’ambiente asettico che ogni tanto la madre si permette di violare infilando le dita, a toccare quel piccolo essere umano in balia dei macchinari medici. Maria vive una specie di blocco inerte e si chiama “fuori dal mondo”, ancora una volta per un neonato, come già nel film di Piccioni. (altro…)


THE BOX

USCITA CINEMA: 21/07/2010.


REGIA e SCENEGGIATURA: Richard Kelly.
ATTORI: Cameron Diaz, James Marsden, Frank Langella, James Rebhorn, Gillian Jacobs.


PAESE: USA 2009. GENERE: Fantascienza, Thriller. DURATA: 115 Min.




VOTO: 7,5


Con Richard Kelly si vola. Aerei, sonde, viaggi ai confini della realtà, portali del tempo, misteri, fantasie… C’è sempre qualcosa che cade dal cielo: dopo il motore di un aereo è la volta di un fulmine. Il regista dell’adoratissimo “Donnie Darko” pare aver ridotto la sua vena creativa: se è vero che il suo primo lungometraggio ha colpito per il suo estremo equilibrio tra autorialità e contenuto, la prova successiva si è rivelata col fiato corto e priva di idee. Adesso, dopo 8 anni dal suo lavoro più conosciuto, Kelly ha il coraggio di ripresentarsi con una pellicola per niente facile, nella quale dirada la messa in mostra della sua arte oratoria e la bramosia di “apparire” senza “essere”. Corre il rischio di andare fuori dal tempo, tallonando un periodo e un genere fuori moda, malgrado ciò rimanendo coerente a se’ stesso.

Ed ecco, dopo Donnie, ancora un giardino, ancora un vialetto, ancora scene di vita familiare con tanto di saluti imbarazzanti (l’amore genitoriale è così fastidioso?) al figlio che va a scuola, occhiate affettuose al marito, merende preparate, giornate impostate secondo i crismi di una buona ortodossia da parte dei coniugi Lewis. Cambia il paesaggio, il riferimento temporale, il tenore di vita, il clima, ma il wormhole è rimasto lì, pronto a inglobare altri “poveri” cristi smarriti e interdetti.

La location è quella di Langley, in Virginia, sede centrale della C.I.A. La malferma insegnante Norma (un’intensa ed espressiva Cameron Diaz) mancante di quattro dita a un piede e il suo marito Arthur che lavora alla NASA, vivono felici e contenti. Almeno fino all’anno del Signore 1976, quando Babbo Natale arriva sotto le mentite spoglie di Arlington Steward (Frank Langella): al posto della folta barba bianca ha una voragine alla guancia sinistra, sgraziatamente consumata dal fuoco delle fiamme. E invece di passare dal camino, col suo sguardo lontano chiede di entrare in casa come fosse un vampiro che ha bisogno di essere invitato. Mette sul tavolo un congegno con un pulsante il quale, se premuto, farà morire uno sconosciuto e regalerà all’esecutore un milione di dollari. Il Santa Claus tentatore (o, se preferite, l’alieno resuscitato) pare venuto per creare il caos, instillare dubbi, insicurezze, insidie. Il periodo è quello giusto: l’America sta vivendo una recessione economica parallelamente (s)bilanciata dalle conquiste spaziali sul pianeta Marte (Morte?).

L’emorragia finanziaria viene effigiata da una serie di epistassi inarrestabili che colpiscono il preside della scuola, un invitato al ricevimento di prova per il matrimonio della sorella di Norma, la balia dei coniugi Lewis, lo studente che si prende malignamente gioco del difetto fisico dell’insegnante. Tutti personaggi alle “dipendenze” di Steward. Il nuovo film di Richard Kelly attacca gli apparati fisici e sensoriali, ha tutta la beffarda doppiezza etica della storia di Matheson da cui è tratto, e alcune atmosfere narrative, musicali e di apprensione tipicamente hitchcockiane che nascondono McGuffin fin dal titolo (la scatola non è il vero elemento a cui prestare attenzione). Si avvale di una scena inquietante che si snoda tra i labirinti di una biblioteca, dove alcuni “dipendenti” (mentali e magari anche salariati) seguono come zombie in catalessi l’odore delle pagine di file segretati e le epidermidi di una coppia di sposi ormai prossima alla sconfitta.

Il ragazzo di Newport News, citata fieramente su una cartina della Virginia, ci sa fare con la macchina da presa: primi piani e carrelli in avvicinamento che a volte appaiono come soggettive mascherate, panoramiche, improvvisi dettagli rivelatori, si diletta a giocare con le fiamme del fuoco, sempre e comunque distruttive. Perché anche gli alberi di Natale potrebbero incendiare. Preso dal fuoco della passione e un po’ fulminato, sbaglia grossolanamente quando, in preda a un raptus esplicativo e cercando di sbrogliare la situazione, inverte i tempi di un rapimento.

Per fortuna l’autore non cade nella trappola della facile schematicità delle situazioni. Tanto per parlare fuori dai denti, la ripetuta evidenziazione del difetto fisico di Norma non è solo un vuoto di sceneggiatura da riempire per catturare l’attenzione dello spettatore più sprovveduto o un “modus scrivendi” messo lì per colmare il tempo che passa. No, l’ideatore ha voluto marcare deliberatamente questo aspetto per creare un parallelo viscerale tra il vissuto di Norma e quello di Arlington, e per rivelare come ambedue si rapportino al dolore, al senso di moralità e responsabilità.

Poco a che vedere ha il riferimento a una possibile misoginia di fondo: alla stazione di polizia si sente chiaramente pronunciare da un’agente di “un altro delitto familiare, stavolta toccato alla moglie”. D’altronde non credo che il regista abbia mai pensato di sfiorare questo tipo di concetto. Anzi, all’interno delle sue pellicole si respira un’aria di particolare devozione degli uomini nei confronti delle donne. Basti pensare al sacrificio di Donnie o al regalo di Natale pensato per la moglie in quest’ultimo film.

Ormai Kelly sembra volerci dire che non esiste via di scampo per nessuno (leggi il “no exit” scritto sul parabrezza, sulla lavagna e sulla porta della rappresentazione teatrale), ognuno costretto nella sua scatola, sia essa una casa, un’automobile, la tv o, ineluttabilmente, la propria tomba. Perché tutti muoiono. E questa volta non sono soli.