www.pompieremovies.com

Articoli con tag “reporter

UN ALIBI PERFETTO

Un film di Peter Hyams.

Con Michael Douglas, Amber Tamblyn, Jesse Metcalfe, Orlando Jones, Joel Moore.

Titolo originale Beyond a Reasonable Doubt. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 105 min. – USA 2009. – Medusa. Uscita: venerdì 13 novembre 2009.






VOTO: 6


C.J. Nicholas (Jesse Metcalf) è un reporter televisivo che lavora per le “grandi inchieste” del Canale 8. I suoi preziosi servizi riferiscono sulla scelta della più opportuna miscela di caffè o sulle fantastiche mostre canine della zona. Il peggio è che, durante le riprese, deve sempre avere il sorriso stampato in faccia. E’ fin troppo evidente che è un’attività troppo angusta per un giovane ambizioso come lui. Il suo sogno non è quello di prestare servizi per la rete televisiva della Louisiana (che, attualmente, è lo Stato che offre i maggiori benefici fiscali per le produzioni che decidono di girare in loco e nel film c’è anche un riferimento diretto all’uragano Katrina, nda).

Appena può, il giovane cronista va di corsa a vedere le arringhe del diligente e autoritario procuratore distrettuale Mark Hunter (Michael Douglas): c’è qualcosa che lo affascina e che lo turba allo stesso tempo nei modi coi quali il legale procede nel suo lavoro, svolto tramite lo sfoggio di una bravura dialettica notevole e l’esibizione di prove incontrovertibili. Forse troppo innegabili. In C.J. si insinua il forte dubbio che Hunter sia corrotto ed essendo annoiato e in cerca dello scoop della vita comincia a indagare…

Scritta, diretta e degnamente fotografata da Peter Hyams, il quale ritorna a lavorare con Douglas dopo il lontano “Condannato a morte per mancanza di indizi” del 1983, la pellicola scava tra la corruzione nella giustizia, quella nei dipartimenti di polizia e tra le righe delle colonne giornalistiche prendendo spunto dall’originale “Beyond a reasonable doubt” di Fritz Lang, uscito nel nostro paese con il titolo “L’alibi era perfetto”, l’ultimo film girato in terra statunitense dal grande autore viennese nel 1956.

Il prototipo langhiano era una lievissima meditazione sul peccato, sul concetto di crimine e sulla parzialità della pena di morte, di matrice solenne, quasi minimalista. Il rifacimento odierno riprende l’aspetto esteriore ma non il ragionamento complesso, mira più all’intrattenimento gettando sulla scena un numero maggiore di personaggi e moltiplicando gli accadimenti.

Michael Douglas più invecchia e più assomiglia a suo padre, fisicamente parlando, anche se a 65 anni sembra, con rispetto parlando, un po’ incartapecorito. Per quanto concerne il carisma e l’efficacia della sua recitazione c’è da dire che lascia un po’ a desiderare. Si dirà che i soggetti non sono gli stessi di quelli offerti al padre, forse è più corretto dire che ognuno ottiene quello che si merita e Michael offre, in questo caso come in tanti altri, un’interpretazione piuttosto anonima.

Jesse Metcalf ha dalla sua occhi penetranti e furbi che ricordano quelli di Jim Hutton, il popolare Ellery Queen della serie televisiva. E’ un piacione dallo sguardo malizioso ereditato dall’apparizione sexy nel serial tv “Desperate Housewives”. Il suo personaggio, così come la resa sul grande schermo, è giovane; l’idea è che Jesse dovrà maturare ancora un po’ per sostenere ruoli così difficili e al centro dell’attenzione.

La storia d’amore che C.J. ha con la collaboratrice di Hunter appare un po’ forzata e intralcia lo snodarsi della narrazione, è come un fastidioso insetto che vola all’altezza del viso e che distrae l’attenzione dalle vicende principali. Per di più, ci sono delle deficienze di sceneggiatura grossolane: la copia del videotape lasciato a casa piuttosto che tenuto a portata di mano in tribunale, il conseguente inseguimento automobilistico rimasto “impunito”, l’inettitudine dell’entourage del procuratore nel non essere troppo scrupoloso in rapporto a loro certi collaboratori, un appartamento rigirato come un calzino che non viene più menzionato come possibile prova indiziaria. Il film si sgretola progressivamente sotto il peso delle troppe frecce caricate al proprio arco.

Incatenato mani e piedi, “Un alibi perfetto” sembra avviarsi verso un prevedibile finale, tuttavia insinua nello spettatore un non so che di inquietante e sottilmente minaccioso: corridoi vuoti dove far risuonare scarpe coi tacchi, telefonate nel cuore della notte, coinvolgimento a effetto domino di un numero progressivo di potenziali vittime. In questo, il film di Hyams è un onesto prodotto di intrattenimento che si chiude in maniera troppo precipitosa.

Un suggerimento per risolvere il mistero: qual è la tipica espressione che compare nelle targhette appese ai cancelli quando si vuole mettere in guardia dai più famosi animali domestici?

Annunci

PERFECT STRANGER

Perfect strangerUn film di James Foley.

Con Halle Berry, Bruce Willis, Giovanni Ribisi, Gary Dourdan, Nicki Aycox.

Thriller, durata 110 min. – USA 2007. – Sony Pictures. Uscita: venerdì 13 aprile 2007.







VOTO: 6,5


Rowena Price è una reporter rampante e impaziente votata alle inchieste scandalistiche. La donna, che ha le forme sinuose di Halle Berry, è bella, risoluta e non bada troppo agli ostacoli che sembrano pararglisi innanzi. Nemmeno l’assassinio di un’amica d’infanzia sembra scalfirla. Anzi, è lo stimolo per buttarsi in un’indagine privata che sarà piena di eventi imprevedibili…

Oltre all’attrice di colore nata a Cleveland, il film propone come attori maschili “di contorno” una star di prima grandezza chiamata Bruce Willis e un’altra come caratterista d’eccezione, il losangelino Giovanni Ribisi. Nonostante il dispiegamento di forze interpretative in campo la pellicola, diretta da un mestierante di lusso come James Foley, non è di livello eccelso.

Il suo punto debole, oltre a una regia più volte incerta, è senza dubbio la sceneggiatura che procede un po’ per accumulo e Approccio dietro le tendespesso è ai limiti della credibilità. Non siamo di fronte, insomma, allo spessore di testi come quelli di “A distanza ravvicinata” o di “Americani”, diretti sempre dallo stesso Foley.

Tuttavia è opportuno sottolineare come il film sia in grado di esercitare un certo fascino visivo, non fosse altro che per il suo fissare l’occhio iridescente sullo sdoppiamento di personalità, sul gioco di rimozione quasi assurdo ma imprevedibile e sulle identità coperte dalla ridda di chat erotiche, quest’ultimo argomento molto attuale e di cui si è abusato un po’ superficialmente.

Tanta carne al fuoco che forse non giova alla scioltezza della storia ma la rende interessante nel suo genere visto che, alla fine, non possiamo che rimanere piacevolmente spiazzati. La rivelazione è un po’ troppo smaccatamente esibita (siamo di fronte a una trama anti-hitchcockiana per eccellenza) però ha il pregio di distinguersi dalla paccottiglia americana di categoria grazie a una parvenza di stuzzicante lucidità.

Certo, dobbiamo sorvolare sulla recitazione abbastanza scarsa della Berry (la quale comunque almeno si impegna) e di un Willis insicuro, un po’ ingessato e con la mascella bloccata, nel ruolo del “porcone” sessuomane. Per contro, troviamo un Ribisi in formissima che da’ vita a un personaggio molto complesso e atipico che si fa odiare e amare allo stesso tempo.