www.pompieremovies.com

Articoli con tag “proletariato

I GIORNI DEL CIELO

Un film di Terrence Malick.

Con Brooke Adams, Richard Gere, Sam Shepard, Linda Manz, Robert Wilke. Titolo originale Days of Heaven. Drammatico, durata 95 min. – USA 1978.

VOTO: 8


Su questa terra ci stai una volta sola. E secondo me, per tutto il tempo che ci stai, devi starci bene”.

E’ la piccola Linda che parla, colei che sogna un futuro da geologa, mentre pontifica con versi elegiaci il dipanarsi delle vicende. Suo fratello Bill (un Richard Gere dalla condotta vigorosa) vorrebbe semplicemente diventare qualcuno, operaio istintivo e avventato. Innamorato di Abby (Brooke Adams, capelli neri e pelle bianca, che vive di turbati contrasti), una che da bambina non usciva mai, intenta com’era alla preparazione di sigari mentre sognava di fare la ballerina, cede a una tentazione di comodo. (altro…)

Annunci

IL SIGNOR MAX

Un film di Mario Camerini.

Con Vittorio De Sica, Assia Noris, Virgilio Riento, Umberto Melnati, Romolo Costa.

Commedia, b/n durata 86 min. – Italia 1937.

 

 

 

 

 

VOTO: 8


Ci sono persone irraggiungibili nella loro altezzosa e abbagliante superiorità. Dalla loro sembrano avere tutto: denaro, classe, compagnie elitarie, tempo da spendere e da perdere. Guai a subirne il fascino quando si è semplici giornalai col sogno di fuggire via lontano vestiti in frac, e col miraggio di fare la vita da signori, cercando di appartenere al gran mondo dorato e beneficiare dei suoi vantaggi. Per narrare i divari ampissimi tra l’alta società e il proletariato minimalista, Camerini mette in scena la storia di Gianni, un ingenuo edicolante perso tra gli incroci delle strade di Roma e, smaniando, del mondo.

Basta poco al regista per dar via al confronto: un berretto a forma di cigno come oggetto di un coup de foudre e come segno del destino. Subito ci perdiamo in un tempo che non esiste più, fatto di sigarette di cioccolato, delicate riverenze e garbo, fissato sullo schermo dalla quintessenza del lavoro di Camerini e dai suoi intervalli farseschi esposti a regola d’arte. Grazie a un ritmo alquanto rapido e a un montaggio flessibile e lineare, l’interpretazione di Vittorio De Sica risulta naturale e piacevole, pur dovendo provvedere a un personaggio dalle doppie e difficili vesti. Nel “Signor Max” le azioni e il loro svolgimento sono collegate e poi definite, i personaggi entrano ed escono dalle inquadrature quasi come fossero su di un magnifico palco teatrale mobile, nel tempo e nello spazio; un’arena caricaturale allegra e delicata.

Troncate le brame sulle lezioni di tennis, bridge ed equitazione, e i chiacchiericci futili e pettegoli sui rami delle famiglie borghesi, Gianni si accorge di esser stato vittima del fascino di doti effimere che non appartengono al suo bagaglio emotivo e alla sua classe sociale. Giusto un ballo e un primo bacio sono sufficienti per far emergere l’onestà a discapito dell’inganno, l’intendimento al posto della parvenza e la leggerezza piuttosto che la gravosa maschera.


IL DIRITTO DEL PIU’ FORTE

Il diritto del più forteUn film di Rainer Werner Fassbinder.



Con Karlheinz Böhm, Rainer Werner Fassbinder, Peter Chatel.



Titolo originale Faustrecht der Freiheit. Drammatico, durata 123 min. – Germania Ovest 1974. – VM 18



VOTO: 9

Ultimato entro la fine del ’74 e proiettato in anteprima alla Quinzaine di Cannes il 30 Maggio del 1975, “Il diritto del più forte” narra le vicende di Franz Biberkopf (Fox, per gli amici), un omosessuale che lavora in un Luna Park come “testa parlante”, rappresentante un’attrazione bizzarra nella quale la testa, staccatasi dal resto del corpo, dovrebbe rivelare agli interlocutori arcani segreti e presagi.

Rimasto presto senza soldi e senza un posto dove vivere, Franz abborda ai cessi pubblici un antiquario di nome Max che lo introduce nel suo giro di amicizie di estrazione borghese. Franz/Fox vince inaspettatamente 500.000 marchi alla lotteria, conosce Eugen, figlio di un imprenditore mezzo fallito, e ne diviene ben presto l’amante…

Criticato e rifiutato dalla maggior parte della comunità gay mondiale perché ritenuto, a torto, un film ritraente una parte di vita squallida e controversa di personaggi omosessuali, il film è invece portatore di un messaggio più ampio e universale che esce dai confini e dalle ghettizzazioni che gli si sono volute forzatamente attribuire.

“Faustrecht der Freiheit” (questo il titolo originale), benchè sia recitato da personaggi gay e nonostante rappresenti gran parte delle loro vite e un certo modus vivendi, non è un film sull’omosessualità. Fassbinder non poteva far altro che descrivere il mondo che conosceva meglio e, per raccontare una storia dove il denaro e il capitalismo sono fermamente al centro dell’attenzione, si è servito di protagonisti quotidianamente vicini a lui, essendo anch’egli omosessuale. Questa è la semplice sostanza di una pellicola bollata troppe volte e a sproposito come controversa.

Ci sono, oltretutto, elementi così apertamente gay-friendly che sbarazzano il campo da qualsiasi dubbio: i familiari, i colleghi di lavoro e, più in generale, qualsiasi membro della società che entra in contatto con i soggetti principali del film non fa una piega di fronte alla loro “condizione” e, anzi, ci sorprendiamo a vedere come la Germania descritta in quel periodo sia decisamente più avanti rispetto alle “moderne” collettività di oggi.

La condizione sociale chiamata in causa da Fassbinder è, pertanto, più estesa. Il problema, semmai, è che esiste sempre un ceto che intende istruirne un altro; questo rapporto di formazione, questo meccanismo di servo-padrone rasenta i propositi del totalitarismo. E’ per questo che vediamo Eugen tentare di educare il proletario, nonché suo compagno, Franz. E lo fa esortandolo a conoscere l’opera, il teatro, le lingue, la musica; Franz perde progressivamente la sua individualità e identità, la sua natura di uomo semplice

“Fox”, interpretato con esito positivo dallo stesso Fassbinder, non è proprio una volpe, ma nemmeno un proletario senza cervello che “pensa solo a bere, ingozzarsi e chiedere denaro”, come lo dipinge Eugen. E’ fisicamente molto presente, da’ l’idea di essere potente ed esplosivo, se non fosse per il carattere remissivo e fondamentalmente dolce. Crede con fermezza in un amore senza calcoli e non riesce ad adattarsi a un modo di vita fatto solo di esteriorità.

Eugen lo ritiene, invece, incapace di veri sentimenti. Quello del “figlio di papà” non è mai un amore sincero, esplicitato, ma si ingarbuglia intorno alla sua stessa figura, lusinghiera quanto spinosa e decadente, nella quale prevale una sottile voglia di rivalsa nei confronti del “barbaro” Fox.

Un’appendice collegata indissolubilmente al capitalismo è il denaro: il regista tedesco lo addita con una perseveranza che non lascia dubbi (tanto da far dire a un banchiere presso il quale si rivolge Franz, insistendo per un cospicuo prelievo di liquidi: “Contanti, contanti, contanti. Se ripeti una parola troppo spesso non sai più cosa significa”). E Franz, infatti, non ha la minima idea di come usare e investire i suoi soldi, non ne avverte il bisogno. E’ una persona semplice che si accontenterebbe di poco. Al bar con gli amici

Eugen, al contrario, fa progetti sulla casa nuova, sull’arredamento ricercato e particolarmente dispendioso, sul rinnovamento del guardaroba presso una boutique costosa per rinverdire il vestiario di Franz. Cerca, insomma, di sfruttare la situazione e imporre il suo status di ricco istruito al “povero” e ignorante Fox, il quale esce regolarmente umiliato da questa situazione. La natura di Eugen è predatoria, come impone la sua classe sociale: ha l’esigenza costante di accumulare soldi per sentirsi vivo e perché così gli impone la sua etica.

Il complesso di inferiorità del proletariato nei confronti della borghesia è uno dei vincoli più tenaci che tiene fedele e avvinto il primo alla seconda. La figura dell’inetto Fox è incapace di elaborare sbocchi per una ribellione. Il suo dissenso è masticato a metà tra un’invocazione e una supplica mentre ascolta la canzone “Angelo negro”.

Ci si domanda se, alla fine, la morte di Fox non sia casuale; magari egli, assumendo del Valium, avrà voluto solamente calmarsi un po’, diventare più invisibile alla tracotanza degli altri.

Nonostante ciò il suo corpo viene annullato e violato da tutti, sciacalli e rapaci di un uomo che non esiste più, discriminato tra i discriminati. Fox perde anche il giubbotto di jeans con la scritta del suo nome ed è come se fosse ritornato nuovamente a essere un’oscena attrazione da Luna Park, un freak senza più testa, cuore e anima.