www.pompieremovies.com

Articoli con tag “Ed Begley jr.

BASTA CHE FUNZIONI

Basta che funzioniUn film di Woody Allen.

Con Ed Begley jr, Patricia Clarkson, Larry David, Conleth Hill, Michael McKean.

Titolo originale Whatever Works. Commedia, durata 92 min. – USA, Francia 2009. – Medusa. Uscita: venerdì 18 settembre 2009.







VOTO: 8


Caustico e feroce come non mai, l’attacco dell’ultimo film di Woody Allen ambientato di nuovo a New York, sembra un urlo di dolore al pari di quello di Edward Norton in “La 25.a ora”. Il regista sembra avercela con tutti: con le notizie stupide dei giornali, con la religione, i sentimenti amorosi transitori, i propositi salutisti, le finte onorificenze. Ce l’ha con la vita stessa. Moderno colonnello Kurtz che esalta a modo suo l’orrore e le brutture del mondo.

Boris Yellnikoff, il personaggio intorno al quale ruotano le vicende della pellicola, non è nient’altro che una rappresentazione del Woody Allen pensiero. Larry David che lo interpreta è davvero ottimo nella sua mirabile gestualità e nello spirito ossessivo e rissoso che lo contraddistingue. Boris si sposerà, come dice lui, per acquisire l’illusione di un significato e acquietare la paura dei suoi ricorrenti attacchi di panico notturni.

Così, di fronte all’allegria di una donna che egli ritiene senza pretese, è in disarmo totale. La poco più che adolescente Melody (Evan Rachel Wood) è felice con i cani e con i figli degli altri, è generosa, splendente, comprensiva, semplice. Incarna un po’ la spensierata giovinezza di Mariel Hemingway in “Manhattan”.

Analizzatore spietato e lucidissimo dei nostri tempi, Woody/Boris ha un’esatta visione d’insieme. Rifila agli amici (e a noi spettatori) una serie interminabile di ramanzine sui guai e i tormenti del mondo. Sproloqui adolescenziali, filosofia spicciola? Da questo punto di vista forse non luccica niente di nuovo sotto il sole alleniano, ma gli interpreti lasciano un’impronta di incommensurabile estro (la madre sudista di Patricia Clarkson è deliziosa). L'invasione degli ultrareligiosi

La concezione del mondo visto attraverso gli occhiali di Allen è come una piccola Kodak: nessuno la usa più, però che bell’impronta da prendere in considerazione… Anche se i topoi e i clichè sembrano essere ormai un po’ abusati: Boris rifugge lo stress cercando perennemente il suo equilibrio e la metodicità, per eliminare i germi lavandosi le mani si prende il tempo necessario che serve a cantare 2 volte “Tanti auguri a teee”, detesta quando viene scambiato per un ex giocatore di baseball o per un possibile premiato agli Oscar.

In Allen non si è ancora esaurita la vena bergmaniana secondo la quale l’uomo sarebbe ossessionato da un gran numero di tristi speranze e sogni. Il Sig. Yellnikoff ha un brutto carattere, è un incallito misantropo, si nega i piaceri della vita vera, quella che ti fa mettere i sentimenti in gioco, che ti coinvolge tuo malgrado all’interno di spazi che non conosci bene come quelli di casa tua. Scopre che i principi della meccanica quantistica non sono applicabili alle leggi della natura umana.

Dio sarà stato anche un armonioso arredatore, ma in certi casi si è divertito a mettere qualche suppellettile fuori posto. Per questo (e poco altro) rendiamo grazie a Dio.

Annunci

SHE-DEVIL – Lei, il Diavolo

She-Devil - Lei, il DiavoloUn film di Susan Seidelman.


Con Linda Hunt, Ed Begley jr, Sylvia Miles, Meryl Streep, Roseanne Barr.



Titolo originale She-Devil. Commedia, durata 99 min. – USA 1989.




VOTO: 6,5


Siamo abituati a vedere Meryl Streep in ruoli sempre un po’ drammatici. Infatti i 2 oscar li ha vinti per tali ruoli. Ma una grande attrice si vede quando sa tirare fuori la sua verve comica. La mia storia personale di questo film e’ curiosa. L’avevo trovato in un mercatino tra montagne di vhs che ormai nessuno piu’ vuole e sinceramente pensavo fosse una mezza boiata. Invece ne ero rimasto divertito e l’avevo prestato ad un amico ma il suo vecchio videoregistratore se l’era mangiato in pieno e non me l’aveva voluto piu’ rendere.

Una sera, al lavoro, in un sacco di vhs lasciate fuori porta da un utente, me lo sono ritrovato tra le mani e allora me lo sono rivisto di nuovo e ancora una volta mi sono ridivertito. I tre protagonisti della "diabolica" commedia

Il film e’ sorretto da una brillante sceneggiatura e da  tre attori che sono secondo me perfetti per le parti che nel film devono recitare..

Molti hanno ritenuto Meryl una caricatura di se’ stessa in questo film, io mi sono molto divertito a vederla nel ruolo della Barbara Cartaland dell’ultima ora che vede tutta la sua vita in rosa e scrive solo in rosa e vive in una casa in rosa.. non ci credete eh? Bene guardate il film… L’america e’ piena di casalinghe sfatte, grasse e orrende che rivedono la loro vita nei romanzi in rosa, e in rosa la sognano. Poi, proprio la loro eroina, frega il marito di una di loro e scappa con lui. Da li’ inizia una vendetta spietata alla diavolina. Ma questa povera creatura di moglie bruttina amatela per quello che e’ e seguitela  quando, in preda alla disperazione, fa saltare una bella casa americana che tutti sognerebbero di avere.

Quando porta i bambini dal marito e dalla sua nuova amante, quando va alla casa di riposo a prendersi la madre della scrittice e la riporta dalla figlia ( a proposito la parte della vecchia l’avrebbe potuta fare benissimo Alida Valli visto gli esiti spassosi di Berlinguer ti voglio bene).

Oppure quando apre insieme ad un’amica un ufficio di collocamento per donne un po’ racchie.

Sono sicuro che vi divertirete molto e per chi non si divertira’, pazienza. Io almeno ci ho provato.

Non sono Superman, sono solo un povero Clark Kent.