www.pompieremovies.com

Articoli con tag “country

UN’ESTATE DA GIGANTI

Un film di Bouli Lanners.

Con Zacharie Chasseriaud, Martin Nissen, Paul Bartel [II], Karim Leklou, Didier Toupy.

Titolo originale Les Géants. Drammatico, durata 85 min. – Francia, Belgio, Lussemburgo 2011. – Minerva Pictures Group. Uscita: mercoledì 31 ottobre 2012.

VOTO: 4

Una tranquilla estate di paura. È quella che attende tre ragazzi della Vallonia, regione belga ricoperta per la maggior parte da foreste. Ispirandosi a questo ammasso di boscaglia, le vicende dei ragazzini appena quindicenni, tra cui uno ha da poco superato i tredici anni, si fanno subito intricate. Abbandonati da genitori e parenti, Zak, Seth e Dany vivono in case disabitate e senza soldi a disposizione. La voglia di fuggire si fa sempre più forte.

Dominata da atmosfere country fuori contesto (di per se’ belle, per carità, ma sembra di stare nel Sud-Ovest degli Stati Uniti piuttosto che in Belgio) la narrazione non avrebbe una genesi anglosassone, eppure ci si (altro…)

Annunci

NON BUSSARE ALLA MIA PORTA

Un film di Wim Wenders.

Con Sam Shepard, Jessica Lange, Tim Roth, Gabriel Mann, Sarah Polley.

Titolo originale Don’t Come Knocking. Drammatico, durata 122 min. – Germania 2005. Uscita: venerdì 30 settembre 2005.






VOTO: 7,5


Henry Spence si accorge di avere un compito: mettere insieme i pezzi di una vita dissolta. Il suo lavoro di attore in film western estinti, lo ha allontanato per sempre dagli affetti della madre, della compagna, del figlio, e capisce solo dopo qualche decennio di aver perso tempo, di non riconoscere più la persona che vede allo specchio. Decide così di tornare a bussare ad alcune porte…

Per 30 anni e più non ha mai voluto avere legami, ascoltando solo la voce dell’incoscienza e vivendo il presente di stella del cinema, con lo sguardo rivolto a ciò che sarebbe avvenuto di lì a poco. Lungimirante e chiaro sembra invece l’atteggiamento e l’intento di Wenders, il quale pensa di abbandonare quel flusso di americanizzazione che ha contraddistinto molte sue pellicole. Per il momento affida al balenante volto di Shepard, smerigliato dal tempo e dal lavoro, l’archetipo di una storia di amori trascurati. Il cowboy che galoppa smanioso nei deserti epici di John Ford ci induce a credere di poter prendere parte a qualcosa di profondo.

Scritto dal regista tedesco proprio insieme a Shepard, il film descrive i rapporti familiari di un’America country rock, e racconta di strade deserte ai limiti dell’inverosimile, dove puoi buttarci anche tutto l’arredamento di casa, tanto nessuno passa a disturbarti se ti siedi su un divano a riflettere sul senso dei tuoi giorni passati e forse smarriti. Poetica e ammaliante la scena della notte trascorsa sul sofà: un viaggio “da fermo” che viene esaminato nel modo meno imponente possibile, con la cinepresa che accarezza il sonno di Henry emanando saggezza.


RADIO AMERICA

Un film di Robert Altman.

Con Woody Harrelson, Tommy Lee Jones, Garrison Keillor, Kevin Kline, Lindsay Lohan, Virginia Madsen, Meryl Streep.

Titolo originale A Prairie Home Companion. Commedia/Musicale, durata 100 min. – USA 2006. Uscita: giovedì 1 giugno 2006.






VOTO: 7,5


“La voce amica della prateria” è un acclamato programma radiofonico condotto da Garrison Keillor e trasmesso da una sala all’interno del Fitzgerald Theater di St. Paul in Minnesota, dove il pubblico assiste in diretta alle performance degli artisti. Pensate che viene seguito ogni settimana da più di 4 milioni di ascoltatori e ha superato, oramai, i 30 anni di vita.

Grazie alla sceneggiatura del suo presentatore, Robert Altman ne ha ricavato un film. La cinepresa del regista si aggira suadente tra i camerini, il palco e la platea spiando le storie (e le strofe) dei cantanti e dei lavoranti di quello che è annunciato come l’ultimo spettacolo. Una serie di racconti brevi senza tempo, sospesi tra la malinconia e alcune brucianti verità, carichi di passione per la vita e il lavoro. E’ un’occasione per fare un bilancio disincantato dei bei tempi andati o forse c’è ancora posto per un futuro gestito da giovani con i cellulari?

Tra specchi, vestiti di scena e pezzi di allestimenti scenici che si muovono sullo sfondo si assiste a una storia raccontata già tante volte ma ancora affascinante, si strimpella, si prova, si favoleggiano peripezie improbabili ingannando il tempo e forse se’ stessi. Anche quando arriva il momento di salire di sopra, sulla vera ribalta, la situazione non cambia; è forse questo il vero motivo della grande sintonia raggiunta con il pubblico.

A rovinare l’allegra atmosfera è l’arrivo del tagliatore di teste senza cuore interpretato da Tommy Lee Jones: c’è da lasciare spazio a un nuovo parcheggio e l’arte radiofonica deve cedere il passo. Forse un angelo vestito di bianco, che si aggira quasi invisibile tra la stazione radio assistendo alle virtù e alle passioni che animano la compagnia, potrebbe far cambiare la situazione e tenere in vita il colorato baraccone.

Sospeso tra vita e morte senza essere ben chiaro su quale delle due rappresenti un inizio o una fine, il film si fa’ carico di una gradevole nostalgia e di un umorismo a volte spiazzante (la pubblicità al nastro isolante, così come agli altri prodotti immaginari, è spassosa, tra fogli da leggere che cadono di mano e mirabili improvvisazioni del rumorista messe su per prendere tempo).

Altman chiude la sua carriera cinematografica con un film che è un abbraccio dal sapore country, folk e gospel: fraterno, benevolo, intimo e affabile. Lasciamoci stringere e ricambiamo con un sorriso.