www.pompieremovies.com

TATANKA


USCITA CINEMA: 06/05/2011.


REGIA: Giuseppe Gagliardi.
ATTORI: Clemente Russo, Carmine Recano, Giorgio Colangeli, Susanne Wolff, Sascha Zacharias, Raiz.


GENERE: Drammatico. PAESE: Italia 2011. DURATA: 100 Min.

VOTO: 5

Chi non ricorda la celebre scena di “Balla coi lupi”, quando Kevin Costner, inginocchiato di fronte a Vento nei Capelli e al Capo della Tribù, cerca di mimare la parola “bisonte”? E Il “Tatanka” dell’epoca ritorna in un altro titolo, insospettabilmente italiano, e altrettanto inaspettatamente si trova lì a descrivere il soprannome dato a un personaggio un po’ schivo, e tuttavia determinato, che tira pugni fortissimi.
Il suo nome è Michele (interpretato da Clemente Russo) e, fin da adolescente, la sua esistenza è legata a doppio filo con quella della camorra. Il quartiere di Marcianise dove vive è infestato da malavitosi senza scrupoli che uccidono, spacciano e reclutano piccoli servetti anche per comandargli i lavori più sporchi. Rosario, un amico di Michele, è uno dei garzoni più intransigenti, e conduce Michele in una spirale criminale di non ritorno.

C’è tutto quello che possiamo immaginare in “Tatanka”: indelicatezze visive (le scopate in palestra, nelle saune, negli spogliatoi o in spiaggia, come prurito maschilista a svuotare i coglioni dai troppi pensieri “difficili” che invadono la mente di persone umili evidentemente descrivibili solo come bestie) pronte a comprare la simpatia di quegli occhi a mezz’aria di platee giovanissime, sospesi nell’incanto delle vicende di un Omm’è Merd’ qualunque scambiato per eroe (eh sì, perché non è possibile stare dalla parte del bisontuccio, quando questi non si accorge per oltre un’ora di far parte di un’alleanza che lo sostiene a furia di ruberie e delitti); ruffianerie di un implacabile sottofondo musicale, che prima accarezza l’animo proponendo, anche se fuori luogo, “Gymnopedie” di Erik Satie, e poi riempie le scene più intime con un assurdo e tambureggiante ritmo sincopato per cercare di tener sveglio lo spettatore (evidentemente ultima risorsa per catturare l’attenzione).

Dispiace perché poteva essere finalmente l’occasione per distaccarsi da quella produzione ordinaria che spesso è assimilabile a quella nazionale. Il film sarebbe da bocciare in toto, se non fosse per l’intrigante montaggio organizzato da Simone Manetti.

Annunci

2 Risposte

  1. Toni Tempesta

    Un sud che è stato, un sogno sognato, bel film e attori abbastanza fighi..

    6 marzo 2013 alle 18:02

    • Onestamente avrei fatto a meno di sogni e attori come questi. Preferisco storie irreprensibili e senza amibguità: qui ce ne sono troppe.

      6 marzo 2013 alle 18:55

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...