www.pompieremovies.com

DETACHMENT – Il distacco


USCITA CINEMA: 22/06/2012.


REGIA: Tony Kaye.
ATTORI: Adrien Brody, Lucy Liu, Bryan Cranston, Christina Hendricks, James Caan, Renée Felice Smith, Blythe Danner, Marcia Gay Harden.


GENERE: Drammatico. PAESE: USA 2012. DURATA: 100 Min.

VOTO: 7

Gli studenti di una classe della fatiscente periferia di Chicago hanno difficoltà di apprendimento, ma soprattutto stentano a provare emozioni. Si esprimono solo attraverso un linguaggio crudo e aggressivo, usando la forza impulsiva contro gli oggetti e violentando chi è indifeso.

Poi arriva un supplente di letteratura (Henry Barthes/Adrien Brody) che assomiglia più a un crocerossino: cosparge di tracce di salvezza il cammino di anime che paiono perdute tra aule e palestra, mitiga il dolore di un nonno anziano andando spesso a fargli visita, ospita una sconosciuta in casa propria nel tentativo di redimerla o forse di trovare consenso in quella disillusione che tenta di celare dietro un volto costruito su gradazioni microscopiche. In realtà Henry, col suo mestiere, insegna molto di più: mette in guardia gli allievi invitandoli a preservare la propria mente per essere in grado di confrontarsi col mondo circostante.

Perché fuori la realtà è già impazzita da un po’, ed è impossibile trovare qualcuno che sappia svolgere come si deve il mestiere di genitore, figura perennemente assente ingiustificata dai banchi di scuola: quello che padri e madri sanno fare è solo sbraitare difendendo a oltranza i loro poveri figli, fomentare l’odio attraverso indifferenza e distacco, oppure soffocare qualsiasi velleità nel tremendo e banale qualunquismo.

Tony Kaye, dopo il bell’ “American History X”, continua a non risparmiare le abitudini di vita americane. Affidandosi a grandangoli, a fuori fuoco (generati dalla privatizzazione che sfida la nitidezza morale nella condotta dell’istituto?), e a penetranti teloni di blackboard animations, sublima la scelta di magnifici caratteristi secondari come James Caan, Blythe Danner, Marcia Gay Harden e Lucy Liu, mentre paga il prezzo di flashback che avrebbero potuto essere un po’ più misteriosi e singolari.

Sul diario quotidiano che ognuno di noi potrebbe avere, nessuno ha più niente da scrivere, risucchiato com’è dagli abbagli di una vita migliore promessa dall’estetica di massa e dagli altri ninnoli che conducono all’isolamento e all’aridità. Non riusciamo più a pensare, accerchiati come siamo da persone senza volto, ne’ a costruire nuovi ricordi che non siano quelli legati a cicatrici dell’anima.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...