www.pompieremovies.com

ROMANZO DI UNA STRAGE


Un film di Marco Tullio Giordana.

Con Valerio Mastandrea, Pierfrancesco Favino, Michela Cescon, Laura Chiatti, Fabrizio Gifuni.

Drammatico, durata 129 min. – Italia 2012. – 01 Distribution. Uscita: venerdì 30 marzo 2012.

VOTO: 5

Fabrizio Gifuni interpreta Aldo Moro, all’epoca del film Ministro degli Esteri. Straordinario nel suo tono sedativo e mellifluo, l’attore incide negativamente sulla pellicola grazie a una recitazione malamente impostata. Attraverso un approccio disordinato e sprezzante verso uno dei ruoli più importanti e saccheggiati dalle recenti narrazioni cinematografiche, si riflette il lassismo dell’attuale produzione nostrana verso quelle infedeli forme di dizione impassibile che bollano come fiction taluni tentativi propagandistici che aspirano all’empireo delle sale. In “Romanzo di una strage” nemmeno Marco Tullio Giordana resiste, e rivela un debole per il didascalismo, riprendendo un paio di mani giunte davanti all’altare della chiesa e fissando le location in luoghi all’aperto, sempre dopo il tramonto, o in interni cupi.

Perché non ci si può accontentare di un mezzo di espressione romanzato, filtrato da quella messa in scena finta che rinnega la volontà di essere documento storico definitivo, di lasciare una traccia severa; e che purtroppo alla fine appare mondana perché deve piacere a tutti, in primis alle televisioni che hanno investito i loro capitali e aspettano, avvoltoi tenaci, di trasmettere in prima serata l’opera finanziata (ovviamente annunciandola attraverso titoli strombazzanti concernenti i consensi della critica e con tanto di successo di pubblico senza precedenti). E chi se ne importa se nessuno ha fatto la fila per andare a vedere il prodotto nelle sale; ciò che preme è l’amo che verrà lanciato per far abboccare spettatori distinti (tra i quali l’immancabile casalinga di Voghera) che si impegneranno nella (e si vanteranno della) visione di “quei tragici fatti avvenuti tanti anni fa. Sapete, quando l’Italia andava male e in giro c’erano tutte 600; quando non esistevano i cellulari, c’erano quei cattivi dei fascisti, i comunisti e gli anarchici. Ah, e c’è pure una scena terribile: una goccia di sangue che scende sulla fronte di Lo Cascio. Mai visto un film così cruento!”.

Nell’ipertrofia dell’immaginazione visiva, rimane il debole per i duetti tra Favino (l’anarchico Giuseppe Pinelli) e Mastandrea (il commissario Luigi Calabresi), tesi sulla corda di un’intima apprensione. Menzione speciale anche per Denis Fasolo nel ruolo di Giovanni Ventura. È soprattutto grazie a loro che si possono coltivare momenti durante i quali vengono fuori le contraddizioni di una società e di un periodo storico dove la lotta politica si confonde con il potere ambiguo delle istituzioni, la voglia di rivoluzione ortodossa con la volontà di distruzione cieca. “Romanzo di una strage” assume un senso compiuto solo se rapportato a quell’insieme di tragedie inspiegabili che hanno caratterizzato la storia del nostro paese. Stragi che hanno visto vittime innocenti perdere la vita senza che si siano date mai risposte e senza che la giustizia abbia potuto fare un decorso accettabile.

Se la fiction rappresentata fosse anche forma, si sarebbero ben descritte le ipocrisie e le ataviche scaltrezze delle istituzioni, dei supposti servizi segreti, e quella lunga stagione dei misteri irrisolti che furono gli anni di piombo. Invece il tassello di Giordana arriva come se fosse fuori moda, ispirandosi a un sistema “vecchio” di fare film di denuncia (mi viene in mente il tentativo di empatia emotiva de “Il muro di gomma” di Marco Risi, quest’ultimo comunque notevolmente più bello) e dimenticando la modernità dell’introspezione usata da Bellocchio in “Buongiorno, notte”. Incanalare quest’opera è un po’ come assistere ai rimpalli di responsabilità fra le istituzioni dello Stato: ciò che il nostro paese riesce a far meglio, da sempre. Vinto dal provincialismo, lo scritto sceglie di suddividere la vicenda in piccoli dieci capitoli non sufficientemente brillanti. Anzi, le sezioni spiccano per farraginosità e frammentarietà, rimanendo schiave di un intrigo fatto di ipotesi e rimpianti, perdendo di vista il senso di sdegno e rimanendo con una scarpa in mano.

Annunci

2 Risposte

  1. ale55andra

    Ti è piaciuto proprio tanto eh? 🙂 Io, non so perché, non sono riuscita ancora a vederlo, ma vorrei farlo al più presto per farmi un’idea mia, dal momento che ne ho letto benissimo o malissimo a seconda dei casi.

    16 aprile 2012 alle 18:38

    • pompiere

      Ciao Alessandra!

      Devo dire che, seppure alcune mie frasi di commento siano negative, il film tutto sommato ha una sua dignità, benchè molto piccola. Il fatto è che sono in un periodo di relativa tolleranza cinematografica, e questa “strage di romanzo” è una preda prelibata per le mie fauci 😉

      16 aprile 2012 alle 19:44

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...