www.pompieremovies.com

I BAMBINI CI GUARDANO


Un film di Vittorio De Sica.

Con Luciano De Ambrosis, Isa Pola, Emilio Cigoli, Adriano Rimoldi, Giovanna Cigoli.

Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n, durata 90′ min. – Italia 1943.

VOTO: 8

Tratto dal romanzo “Pricò” (1924) di Cesare Giulio Viola, “I bambini ci guardano” è un dolente panorama domestico-genitoriale che dimostra come una coppia non sappia vivere un rapporto con il figlio piccolo. Considerato alla stessa stregua di un gatto fastidioso che sta sempre tra i piedi, Pricò subisce una situazione matrimoniale in evidente crisi romantica, data l’infatuazione della madre Dina (Isa Pola) per un altro uomo. Con lui fugge durante la notte, abbandonando la famiglia: padre (un bravo impiegato di banca), figlio e una domestica, i quali tenteranno di gestire al meglio la nuova imbarazzante situazione.

Pricò ha orecchie che sentono anche al buio delle menzogne e comprendono tristemente situazioni in cui diventa casuale spettatore, vinto dall’individualismo di chi lo circonda. Il bambino viene obbligato a confrontarsi con un mondo che prevede precetti che non gli appartengono, subendoli con rassegnata afflizione.

Ho visto, nella deprecabile moralità della madre, un pizzico di misoginia. Se è vero infatti che Dina cede fin troppo facilmente alle moine del suo amante, abbandonando il figlio fin quasi a volerlo smarrire, per contro la donna riceve sentenze e giudizi dalla nonna paterna, dalla congrega di coinquiline e dal gruppo di turisti estivi ipocriti (tra i quali brilla un giovane Ernesto Calindri), tutti impegnati in una lotta ad occhi chiusi fin troppo integralista.

Quello di cui è silenziosa testimone la regia di Vittorio De Sica è lo scioglimento dell’istituto familiare. In tempi non sospetti, e subito dopo il fascismo, la scrittura dello stesso De Sica, di Zavattini (alla sua prima collaborazione con l’autore di Sora) e di Viola si fa avanguardista, anticipando quei sentimenti frantumati e ormai inagibili che contraddistinguono i nostri tempi.

Tra congedi e rimpatri, avversioni e remissioni, il nucleo della famiglia è messo a dura prova da questo dramma di vita concreta che anticipa di poco il periodo neorealista. Lo sguardo d’insieme è impietoso e non fa sconti a nessuno; la tragedia è dietro l’angolo e le contrizioni dell’ultimo minuto sono costrette a fare i conti con mani che invece di stringersi al collo rimangono in tasca, e con spalle che sembrano essersi fatte forti e autosufficienti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...