www.pompieremovies.com

TOMBOY


Un film di Céline Sciamma.

Con Zoé Héran, Malonn Lévana, Jeanne Disson, Sophie Cattani, Mathieu Demy.

Drammatico, durata 84 min. – Francia 2011. – Teodora Film. Uscita: venerdì 7 ottobre 2011.

VOTO: 7,5

La famiglia di Laure (Zoé Héran) cambia spesso abitazione. Il padre ha un lavoro nomade, che lo obbliga a trasferimenti e a trascorrere gran parte della giornata lontano dalle sue donne care. La nuova casa è il luogo di una tappa fondamentale: la madre è incinta per la terza volta, la sorella più piccola è molto affezionata a quella più grande, Laure appunto. Fattezze e aspirazioni da maschietto, quest’ultima non esita a presentarsi ai nuovi amici (quelli che lei pensa di dover “attraversare” come ha fatto fin’ora) come un bambino di nome Mikaël. Ma a quest’età, le differenze sessuali cominciano a essere spietate. E corrono il rischio di essere individuate…

La 31-enne Céline Sciamma dirige un film abbastanza curioso, incorniciando la vicenda con riprese che per più di metà tempo hanno un taglio pressoché realista (vedi l’uso della macchina a mano). Non perde di vista il garbo e la discrezione di certi svaghi della tarda infanzia e prima adolescenza, basilari nella formazione della personalità. Ne risulta un puro cinema francese d’autore, fatto di pochi dialoghi, che getta le fondamenta per una storia semplice e clandestina rivelante l’inconscio e la parvenza. Oltre alla verosimiglianza degli atteggiamenti messi in bella mostra da Zoé Héran, a colpire maggiormente sono la genuinità del portamento della sorellina Jeanne (Malonn Lévana).

Nonostante i premi ricevuti a Berlino e Torino, il “maschiaccio” del titolo non convince appieno nell’ultimissima parte. Il comportamento dominante di uno dei “grandi” in particolare è irresponsabile e pericoloso, perché scavalca il confronto diretto con la bambina protagonista, dando voce a una mortificazione insostenibile. Questa mancanza di riguardo sorprende in un film dove tutto è lieve e inciso finemente. Sarebbe stato accettabile se l’azione, di per se’, avesse condotto a un approfondimento drammatico, a una parentesi confidenziale, che evidentemente in quella famiglia esiste per tutto tranne che per la sessualità.

Gli unici a dare un senso al vento, alla solidarietà, all’importanza delle differenze, al gioco come momento di costruzione, di creazione che va al di là di una semplice prova di forza o abilità, coloro i quali resistono alle gelide acque dell’imperturbabilità, sono i bambini. Il mondo verrà salvato dalle quinte elementari. Le prove tecniche di guida sono già iniziate; loro sapranno benissimo da quale parte andare.

Annunci

4 Risposte

  1. Come scrivo anche sul mio blog, è un buon film. Ma rimane tutto troppo candido e sereno. Un colpo di coda finale, una presa di posizione che esuli dalla neutralità avrebbe giovato. Senza dubbio.

    23 ottobre 2011 alle 13:27

    • Ciao Tommaso.
      Complimenti per il tuo blog, molto interessante e con argomenti stuzzicanti.

      Sul finale non saprei dirti: a me è piaciuto così com’è. D’altronde la regista, a mio avviso, si schiera già abbastanza con quello che succede prima, senza bisogno di calcare ulteriormente la mano sulla chiusura.

      23 ottobre 2011 alle 21:40

  2. Si tratta di cinema, e su certi argomenti , la Realtà è un’altra cosa…..il film piace nonostante buonismi e tanti bei sentimenti difficili da collocare in un ambiente (5a elementare) per certi versi alieno ma (forse) propositivo…..Accontentiamoci !

    29 ottobre 2011 alle 15:39

    • Ce lo facciamo bastare eccome, Mario.
      In giro c’è poco o nulla di meglio 😉

      29 ottobre 2011 alle 18:10

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...