www.pompieremovies.com

DYLAN DOG


USCITA CINEMA: 16/03/2011.


REGIA: Kevin Munroe.
ATTORI: Brandon Routh, Sam Huntington, Anita Briem, Taye Diggs, Peter Stormare.


PAESE: USA 2011. GENERE: Horror, Thriller, Mystery. DURATA: 108 Min.




VOTO: 2,5


Da piccolo (e ogni tanto anche adesso) ero solito comprare settimanalmente una copia di Dylan Dog, in assoluto il mio fumetto preferito. La caratteristica base di queste storie era il continuo mantenimento di uno stato di suspense e ansia, che portavano a finali che quasi mai concludevano realmente l’episodio e lasciavano il dubbio che tutto ciò che era successo fosse in realtà nell’immaginazione dei protagonisti. Da mesi, quindi, aspettavo con impazienza l’uscita di questa trasposizione e non ho perso l’attimo per infilarmi al cinema alla prima occasione disponibile.

Il film inizia a New Orleans (dove si svolgerà interamente, anziché a Londra, che era l’ambientazione del fumetto) con la scoperta di un omicidio: la biondissima Elizabeth Huntington trova il cadavere del padre orrendamente mutilato e intravede un licantropo fuggire dalla stanza. Snobbata dalla polizia, la ragazza decide di rivolgersi a Dylan Dog (Brandon Routh) un investigatore privato che pare occuparsi di occulto e di cui ha trovato il numero proprio tra gli effetti personali del genitore. Il bel Dylan (rigido come un pezzo di legno per tutta la durata della pellicola) torna ad investigare su un campo che aveva lasciato anni prima a causa di una tragedia che lo aveva colpito personalmente, e si fa aiutare da Marcus (che ha l’ingrato compito di sostituire il bizzarro Groucho del fumetto), un non-morto che fatica ad accettare la sua condizione. Da questo momento in poi il film pare trasformarsi in una scopiazzatura della saga di Twilight, in una lotta senza quartiere tra Lupi Mannari e Vampiri, con la partecipazione straordinaria di una congrega di Zombie sfigati associati in una sorta di “anonima non-morti”, che hanno però il merito di dare un tocco d’ironia a un pallosissimo teen-fantasy mascherato da horror, privo di colpi di scena significativi.

Quello che più salta all’occhio è la differenza tra il Dylan “di carta” e quello “di celluloide”: se il primo è un ragazzo riservato, piuttosto diplomatico e poco incline all’uso della violenza, tanto da dimenticarsi a casa spesso e volentieri l’unica arma a sua disposizione, il secondo è il classico eroe da film d’azione esperto di arti marziali, che cammina sparando a due mani con pistoloni, fucili a pompa e mitragliatori da elicottero, rendendo il tutto poco credibile e alla lunga noiosissimo. Ho trovato inoltre stupido il fatto che il protagonista debba indossare i vestiti d’ordinanza (abbandonando un abbigliamento da sciattone palestrato) per “trasformarsi” nell’indagatore dell’incubo, quando invece la giacca scura, la camicia rossa e il jeans facevano parte dell’identità di Dylan Dog e contribuivano a renderlo inconfondibile. Non basta nemmeno che gli sceneggiatori abbiano mantenuto alcune caratteristiche del protagonista originale, come il fatto di avere un clarinetto o di essere perennemente alle prese con la costruzione di un modellino di veliero, oppure ancora di mettergli in bocca a sproposito alcune battute classiche (come “Giuda ballerino” esclamato a caso e il riferimento al proprio “quinto senso e mezzo”) per migliorare la situazione. Mancano inoltre il sarcasmo e la profonda umanità di Dylan Dog, che sarebbe dovuto risultare un uomo straordinariamente normale in un contesto straordinariamente assurdo.

I personaggi di contorno e gli antagonisti sono già visti, i mostri sono presi a piene mani dalle serie fantasy più famose (“Buffy”, “Streghe” e compagnia bella) e caratterizzati pure male, come ad esempio il capo dei licantropi, visto come una sorta di boss della malavita affetto da uno strano tic alla mascella. Gli effetti speciali, che spesso e volentieri hanno rialzato le sorti di pellicole mediocri, si adattano al livello infimo del film, e fan tornare indietro di almeno 20 anni se pensiamo alle tecnologie disponibili oggi, con l’esempio lampante dei raggi di luce e dei fulmini che escono dal corpo del mostro morente, in un finale tirato via pescato da un mazzo di 5/6 epiloghi piuttosto scontati (nda. Grazie a White Tiger per il suggerimento).

Insomma, questo non è il film che ricalca le atmosfere oniriche e spiazzanti dell’italianissima striscia di fumetti del personaggio creato dal povero Tiziano Sclavi, e dubito che per perdonare lo scempio gli basti il tributo dedicatogli dagli sceneggiatori, affibbiando il suo cognome a un Vampiro anziano. Restiamo sciaguratamente vittime della nostalgia del dimenticatissimo “Dellamorte Dellamore”, con annessa interpretazione di Anna Falchi.

Annunci

2 Risposte

  1. Grazie della mensione.
    Quoto tutto tutto tutto…
    OPS!!!
    Mi son divertito più a quotarti che a vedere il film 🙂

    24 marzo 2011 alle 13:38

  2. La rivalità tra vampiri e licantropi richiama anche Underworld. E lo spaccio di sangue di vampiro come droga è sicuramente preso dalla serie tv True Blood. Se fossi costretto a dare un voto darei un N.C.. Per il resto hai ragione su tutto.

    25 marzo 2011 alle 04:57

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...