www.pompieremovies.com

WALL STREET – Il denaro non dorme mai


USCITA CINEMA: 22/10/2010.


REGIA: Oliver Stone.
ATTORI: Shia LaBeouf, Michael Douglas, Carey Mulligan, Josh Brolin, Charlie Sheen, Susan Sarandon, Frank Langella, Vanessa Ferlito, Eli Wallach, Natalie Morales, Jason Clarke.


PAESE: USA 2010. GENERE: Drammatico. DURATA: 127 Min.




VOTO: 5,5


Gli andamenti di mercato assomigliano un po’ al profilo degli skyline di città: si ergono repentini e imperiosi, per poi ridiscendere liberamente in picchiata. In un mondo finanziario che crede sempre più al profitto, costi quel che costi, pronto a farla in barba anche a coloro i quali lavorano per esso, una domanda si staglia sopra tutte: chi non fallirà? In quest’ottica che fa presa sull’affanno, sulla paura della sconfitta, della perdita monetaria e quindi anche su quella dell’identità, un personaggio rappresenta meglio di chiunque altro la vera e sincera risposta della gente normale. E’ il ruolo fiammeggiante (e, ahinoi, temporalmente poco sostenuto) di Frank Langella, canuto signore e icona di Wall Street, costretto in un angolo dall’arroganza dei banchieri, i nuovi orditori di trame davvero poco pulite. Col fiatone e la vergogna che lo divora, Langella scende le scale che conducono alla metropolitana con un dolore devastante e una tristezza infinita, in una scena che strizza forte il cuore.

Stone ritorna 23 anni dopo la sua prima visita alla Borsa e, ai limiti della dietrologia, pone Gordon Gekko in una luce semi-profetica, quasi che fosse un santone depositario delle verità, e lo fa sparare a zero su ciò che lui aveva sempre sostenuto nella sua “vita precedente”, quando coraggioso e avido broker non esitava a stendere al tappeto gli avversari che lo separavano dai suoi vili traguardi. Gekko/Douglas è un moderno Virgilio che guida il giovane Jacob (Shia LaBeouf) nell’inferno dei futures, dei titoli derivati e di altre diavolerie della cosiddetta New Economy. Quello che emerge è un ritratto brusco, vivo, tangibile di una società senza futuro apparente, messa con le spalle al muro, nella quale mancano prospettive di lavoro, redditi e la capacità di fare gli investimenti (o i risparmi) giusti.

Poi il registro prende a poco a poco una piega più intima, e l’aggressivo ritorno in pompa magna del vecchio broker si fa più posato. L’incontro commovente con la figlia (l’incisiva Carey Mulligan), sui gradini dopo la serata di beneficienza, è tenero e ha un buon sapore riconciliatorio. Ne consegue una disamina che poggia su di un’indole da sceneggiato tv, che asciuga un po’ troppo i motivi di una crisi economica che sta mandando a gambe all’aria il mondo intero. Avrei preferito una maggiore cattiveria nei risvolti drammaturgici; alla fine Stone sembra non voler provocare più di tanto, abbandonando i panni del giustiziere sociale. Nasce il sospetto che i motivi di questa prosecuzione sulla vita di Gekko siano un po’ stiracchiati ed enigmatici. E la faccina di LaBeouf è così tenera da risultare inattendibile; un po’ come i dvd con tanto di filmino su feti ed embrioni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...