www.pompieremovies.com

ALL THAT JAZZ


Un film di Bob Fosse.

Con Roy Scheider, Jessica Lange, Leland Palmer, Ann Reinking, Cliff Gorman.

Titolo originale All that Jazz. Musicale, Drammatico. Ratings: Kids+16, durata 123 min. – USA 1979.

 

 

 

 

 

VOTO: 9


Una brutta tosse, gli occhi arrossati, un collirio, un cachet, una doccia calda con la sigaretta ancora accesa tra le labbra, uno psicostimolante a disposizione, i violini che suonano da un mangianastri e… “si va in scena”. C’è chi vive stando sulla corda, per non saper attendere. Chi preferisce un’eiaculazione precoce alla conservazione perpetua. Per fare il regista, il coreografo e il montatore scrupoloso ci vuole questo e altro: qualche bottiglia di alcool e allegre parentesi con una discreta quantità di donne. Sto parlando di un menestrello che ha regalato tutto ciò che aveva allo spettacolo e non ha riposto niente per se stesso. Autodistruttivo per il terrore di essere convenzionale. “All that jazz”, con le sue lampeggianti coreografie, il suo fervore registico e i balletti, rappresenta l’estensione cinematografica della vita di Bob Fosse. L’autore americano sceglie come suo alter-ego la cera affaticata e l’aspetto scarno di Roy Scheider, il quale interpreta sullo schermo Joe Gideon, la cui esistenza viene raccontata a ritmo di danza e di numeri musicali superbi.

La pellicola è una delle più alte e raffinate riflessioni sulla morte, e insieme un inno alla seducente dinamicità della vita. Un giocare con la falce fienaia, ma senza le prostrazioni bergmaniane, e con una messa in scena colorata, tinteggiata da personaggi brillanti. L’idea del trapasso viene burlata a più riprese, grazie a stralci ironici di enorme rilievo (il medico che, mentre visita Joe, fuma e tossisce a ripetizione, e la sequenza nella camera d’ospedale subito dopo l’infarto), ma anche rispettata tramite un racconto spesso doloroso ed emotivamente feroce. Registicamente parlando, Fosse non è mai stato così in stato di grazia; le scene del balletto di “Air-otica” e la lettura “sorda” del copione sono idee magistrali di come andrebbe fatto il cinema.

Fotografata con acume dal nostro Giuseppe Rotunno, e inframmezzata da spezzoni di un monologo comico e di un confronto immaginario con un Angelo bianco, nonché funerea “nuova moglie”, che ha l’eterea consistenza e la bellezza di Jessica Lange, la pellicola gode di un editing composto da imponenti accavallamenti. E’ interessante notare come il filmato dell’assolo umoristico venga costantemente esaminato, tagliato, allungato, rimontato, visto e rivisto, in una perenne e insoddisfacente ricerca della rappresentazione perfetta, di quel fiore immutabile e impervio che Fosse considera essere la rosa. Quello che lui consapevolmente crea è soltanto temporaneità, apparenza, e lo ammette a cuore aperto in una spietata analisi di se stesso. Passando attraverso l’Ira, il Rifiuto, il Mercato, la Depressione e l’Accettazione, l’autore ci conduce attraverso i cosiddetti cinque stadi del processo della morte. Corteggiata, amata, odiata e poi nuovamente adulata, la dipartita è resa tra parentesi che spaziano dal cabaret allo spettacolo di varietà, dal musical al jingle pubblicitario, in una messa in scena impareggiabile, piena di arditi riferimenti all’inconscio e al surreale.

Annunci

2 Risposte

  1. Mario56

    Beh un grande film ricco di annotazioni non solo cinematografiche, ci sono tracce di Fellini, di Barkeley e un’aria desolante ma viva nel tracciare la filosofia del ns anti-eroe.tanti personaggi di “contorno” a cesellare un’opera degna di nota, beffato agli oscar ( ma a te non te ne frega niente) da uno sdolcinato e ruffiano Kramer vs Kramer….

    31 ottobre 2010 alle 19:33

    • Beffato agli Oscar, è vero. Ma in “Kramer contro Kramer” ci stava Meryl Streep, e tu sai che io stravedo per lei 😉

      1 novembre 2010 alle 13:39

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...