www.pompieremovies.com

REVOLUTIONARY ROAD


Un film di Sam Mendes.

Con Kate Winslet, Leonardo DiCaprio, Kathryn Hahn, David Harbour, Ryan Simpkins, Kathy Bates, Michael Shannon.

Drammatico, durata 119 min. – USA, Gran Bretagna 2008. – Universal Pictures. Uscita: venerdì 30 gennaio 2009.






VOTO: 7


C’è una macchia di sangue sul tappeto di una linda casina della provincia americana. Una chiazza che non andrà più via.

Di nuovo insieme sullo schermo dopo l’affondamento del “Titanic”, Leonardo Di Caprio e Kate Winslet (fenomenale nel ruolo della moglie tormentata, e degna erede di Meryl Streep) tornano di nuovo insieme per mettere in scena un altro tipo di naufragio, quello di una coppia della medio borghesia americana immersa nel perbenismo e nella calma esteriore del Connecticut, colorato coi pastelli tipici degli anni ’50. A sgretolare il nucleo del sobborgo residenziale ci pensa l’ambizione del successo personale, unita a una realtà che sembra insipida.

Sam Mendes ha realizzato un film asciutto, con pochi fronzoli, seguendo con una regia splendida le performance attoriali della moglie (Winslet) e di un Di Caprio non sempre antiquato come l’epoca del film richiederebbe, ma decisamente funzionale. D’altronde è questo che rende l’opera ancora più attuale. A prima vista potrebbe sembrare una storia risaputa e poco emozionante; per fortuna l’intervento registico risulta decisivo nelle brevi pennellate del primo incontro, nel pedinamento dei volti durante le fortissime scene dei litigi, nelle sovrapposizioni di immagini che descrivono il nulla esistenziale di due persone sconfitte e insoddisfatte dalla vita, ma più ancora inidonee a qualsiasi rapporto amoroso.

Sorretto dalla dosata fotografia di Roger Deakins e da un lento quanto tormentante score musicale ideato da Thomas Newman, “Revolutionary road” rende bene l’idea di una prospettiva che vede serrati i panorami che la circondano, e si realizza in una situazione collettiva e spaventosamente autentica: il divario incolmabile tra le brame giovanili e le transazioni “adulte”, la voglia di emancipazione che si arrende di fronte al conformismo, l’interstizio bloccato tra fantasie e realtà. In questo quadro d’insieme, il cosiddetto “vuoto disperato”, ecco che spicca la figura del matto (?) John Givings (ben interpretato da Michael Shannon), il solo in grado di dire cose sagge e lungimiranti. Anch’egli figlio “sbagliato” di una moltitudine di coppie che si credono perfette, mentre la loro muta prole trascorre il tempo fissando la tv.

Annunci

3 Risposte

  1. Film molto bello, l’ho guardato e mi è piaciuto molto. Certo purtroppo è tristissimo, davvero molto triste, ma realizzato con molta cura e senza lasciare nulal al caso.

    12 ottobre 2010 alle 16:18

    • Concordo, saint andres. Le angolazioni delle riprese, la recitazione degli attori e le musiche sono molto buone 😉

      12 ottobre 2010 alle 16:59

  2. Mario 56

    Un bel romanzo di R.Yates (1961)e una buona regia di S.Mendes pochi film nel suo palmares ma il suo Jarhead poco fortunato a me è piaciuto; questa coppia-archetipo di un mondo in trasformazione poco incline al profondo e all’intimità ci collassa un pò tristemente a rivedere certe ns convinzioni e a farci intuire la strada maestra : noi siamo soli !

    31 ottobre 2010 alle 19:27

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...