www.pompieremovies.com

LA HORDE


“The Horde” è un film di Yannick Dahan e Benjamin Rocher del 2009.

Con Eriq Ebouaney, Jo Prestia, Jean-Pierre Martins, Aurélien Recoing, Claude Perron, Alain Figlarz, Doudou Masta.

Prodotto in Francia. Durata: 96 minuti. Distribuito in Italia a partire dal 01.10.2010.






VOTO: 7


Non fatevi ingannare. Seppure uno dei registi si chiama Rocher, ciò che vi aspetta non ha niente a che fare con nocciole tostate e crema gianduia. Piuttosto assaggerete il sapore amaro della paura, quella che alberga in un vecchio palazzone abbandonato. I non morti (anche se forse è sbagliato chiamarli zombie, vista in questo caso la loro precipua natura di anime pensanti e tormentate) corrono ingordi e resistono più a lungo ai colpi delle pallottole. Fluiscono come sensi di colpa fattisi carne, desiderosi di rivincita verso coloro che hanno avuto il potere e il comando, quelli che hanno abusato di una posizione autorevole: sbirri, delinquenti papponi, militari invecchiati male.

Fosse durato una ventina di minuti in meno, “La horde” si sarebbe potuto considerare un piccolo capolavoro. Invece si sofferma troppo su una sceneggiatura introduttiva legnosa e sulla voglia di far vedere le interiora a tutti i costi. L’esordio sembra scorrere su di un’esile traccia narrativa. Poi la materia si fa più consistente, la confezione si rinforza e scuote, tra ferocie di basso livello e slanci ponderati. Si passano a fare considerazioni più o meno pindariche, ma con tanto di analisi sociologica sulla guerra d’Indocina e sui fantasmi del passato che ancora affliggono la Francia. Non mancano neppure i doverosi conti in sospeso con le banlieue e le differenze razziali.

L’uomo, si sa, è di natura bellicosa. Perennemente in guerra con i suoi simili, e quindi con se’ stesso. Rispetto alle grandi contese di ieri, che si combattevo su spazi geografici estesi e a fianco di paesi alleati, sono rimasti i conflitti interiori che esplodono verso l’alto di un cielo greve e fiammeggiante. Sono ostilità che generano mostri pronti a divorarci, in una specie di miscuglio splatter animato su di una tela sporca.

Il titolo originale è stato inopportunamente ma profeticamente cambiato (in Italia s’intitola “The horde”, nda) dandogli una connotazione da cinema americano. Niente di più fortuitamente azzeccato: la Francia e gli Stati Uniti sono i prototipi ideali per ciò che viene spiegato. Hanno in comune tante cose, tra le quali la riconoscenza del nuovo cinema d’oltralpe verso autori affermati quali Romero o Carpenter, qui “sporcati” da una moderna finezza tutta europea.

Possiamo dibatterci quanto vogliamo e tentare di estirpare il male che risiede dentro di noi. L’impressione è che sia troppo tardi: le scie di sangue sono ovunque.

Annunci

2 Risposte

  1. Mario 56

    Bah! Del film mi è piaciuto l’inizio con la
    (rap)presentazione del gruppo con i vari humus disgreganti i caratteri ben distinti motivazione compresa poi tanta violenza trita e ritrita in un dejà-vù alla fine dolorosamente noioso.

    31 ottobre 2010 alle 19:39

  2. Pingback: ATTACK THE BLOCK – INVASIONE ALIENA « Pompiere Movies .com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...