www.pompieremovies.com

TWO LOVERS


Un film di James Gray.

Con Gwyneth Paltrow, Joaquin Phoenix, Vinessa Shaw, Isabella Rossellini, Elias Koteas.

Drammatico, durata 100 min. – USA 2008. – Bim. Uscita: venerdì 27 marzo 2009.






VOTO: 8


Leonard (un Joaquin Phoenix eccelso nella sua cronica malinconia) vive a Brooklyn, sotto lo stesso tetto dei genitori ebrei. Spesso soffocato da troppe attenzioni, nonostante l’età matura, è spiato da sotto la porta della camera da letto da una madre (Isabella Rossellini) apprensiva ma comprensiva. Talvolta costretto a uscire di casa di soppiatto per respirare e per non dover rispondere a domande inquisitorie, cerca di togliersi di dosso il peso della responsabilità di alcune scelte sbagliate e illusorie.

Tra amori difformi, romanticismi fugati da un seno fintamente materno, esibito come ultimo e disperato richiamo a calmare il senso di solitudine, James Gray ha prodotto, scritto e diretto un denso dramma sentimentale che apprezzo molto e a cui concedo una fede quasi senza riserve. L’insicurezza, all’apparenza banale, nello scegliere tra la stabilità e il consenso per la tenera Sandra, e la folle incostanza unita all’irresponsabilità dell’eccentrica e lunatica Michelle (una recuperata Gwyneth Paltrow), pesa sull’animo del protagonista come un’invalicabile dilemma.

La lotta alla depressione e alla tristezza dell’ultratrentenne Leonard, costantemente tentato dal suicidio e interessato alla fotografia di luoghi senza persone, si concilia con uno sguardo registico classico e dolente. Una prospettiva che mira alla gravità della consuetudine familiare, all’inidoneità di qualsiasi sfumatura sarcastica, all’attitudine al tormento e ai continui cambi di prospettiva, inseriti sempre e comunque in un ambiente compresso e tedioso, marcato da un panorama newyorkese freddo e fosco.

“Two lovers” è un racconto intimista che ci parla dell’ingarbugliata complessità nel mettere ordine alle proprie emozioni. Il richiamo ortodosso di “operine” quali “Tutti insieme appassionatamente” e il “Benny Hill Show” suona tanto superato quanto toccante, indispensabile e autentico. Un’abdicazione verso gli slanci viscerali dell’Opera musicale schietta che ha il sapore della tutela e della conservazione.

Annunci

6 Risposte

  1. agegiofilm

    Fiuhhh…credevo fosse un bidone dal trailer, ma se tu confermi qualcosa di positivo posso anche guardarlo.

    20 settembre 2010 alle 08:18

    • Te lo consiglio. Vedo che non a tutti è piaciuto, ma credo che meriti almeno una visione 😉

      20 settembre 2010 alle 08:35

  2. Mario56

    L’ Amore salvifica? Forse, ma spesso non basta…opera di una melanconia a tratti insopportabile se ne esce tristi e rabbuiati e dopo aver pagato il biglietto non è bello….

    20 settembre 2010 alle 15:37

    • Non tutte le emozioni vissute al cinema sono rassicuranti.
      E le promesse di questo film non erano certo tendenti al glamour…
      In ogni caso a me non ha lasciato particolarmente male: sarà perchè sono un maniaco depressivo, ma credo di aver visto (e apprezzato) opere ben più dolorose.

      20 settembre 2010 alle 23:38

  3. River Phoenix soltanto “musicale”? In bocca al lupo a lui.

    10 novembre 2010 alle 19:08

    • River Phoenix è morto, Calogero.
      E poi, sinceramente, non ho capito il tuo commento. A cosa ti riferisci quando dici “soltanto musicale”, con tanto di augurio porta fortuna?

      10 novembre 2010 alle 21:11

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...