www.pompieremovies.com

CHUECATOWN


GENERE: Commedia. ANNO: 2007. NAZIONE: Spagna. DURATA (min.): 101.

Regista: Juan Flahn.

Interpreti: Pablo Puyol (Victor), Ángel Burgos (Mario), Carlos Fuentes (Rey), Pepón Nieto (Leo), Rosa Maria Sarda (Mila).






VOTO: 7,5


Chueca, Madrid. Un tranquillo rione della capitale dove vive un discreto numero di omosessuali. Tra le maglie di questa comunità si muove qualcuno che vorrebbe trasformare il distretto in un moderno, tollerante, simpatico quartiere dei sogni, cercando di imprimere nella mente degli abitanti l’assoluta necessità di un graduale e costante restauro, nell’intento di favorire l’insediamento di coppie gay facoltose. Rinnovamento, modernizzazione, aggiornamento, culto del corpo, autostima, iniziativa: queste le parole nuove che si vorrebbero introdurre all’interno del barrio. Intanto, quattro vecchie signore proprietarie di abitazioni, vengono rapinate e assassinate da una figura neanche tanto nascosta, e ciò darà origine a una sana e animata baraonda tutta madrilena.

Mentre in Italia si ha ancora a che fare con episodi di intolleranza verso i gay che intendono ottenere in affitto un appartamento, negato loro a causa delle inclinazioni sessuali, a poca distanza da noi c’è un paese che si diverte, in una rappresentazione allegra e farsesca, su un argomento tabù per il nostro povero paesello. A parte l’inesistenza di qualsiasi vera unione civile, in Italia manca una tutela nei confronti degli omosessuali, esposti come sono a qualsiasi tipo di discriminazione. La Spagna non sarà il paradiso terrestre, ma almeno sembra sulla retta via in quanto ad apertura e rispetto per le diversità, celebrate in una giocosa e colorata mise-en-scène che ha il pregio di arricchire il senso di integrazione e di accoglienza dell’altro. Un ragionamento sentito e allo stesso tempo satirico, sia su come certi omoni panzuti e villosi (i cosiddetti “orsi”) vivono il quartiere gay più famoso di Madrid, sia su come la speculazione edilizia stia lì alla finestra, pronta a ghermire zone declassate e un po’ abbruttite.

Al centro della vicenda ci sono l’istruttore di scuola guida Leo (Pepón Nieto, già visto in “Cachorro”) e Ray (Carlos Fuentes), grande patito di X-Men. Sono una coppia di orsi rozzi e spiantati che rutta, scoreggia, indossa vestiti casual e scarpe da ginnastica, trovandosi a disagio negli ambienti fashion del vicinato. Gli interpreti (una rappresentazione anticonformista della mascolinità all’interno della comunità GLBT) delineano due fidanzati un po’ tonti ma di sicuro impatto carnale; i loro corpi provocanti sono messi a nudo più volte, anche in una scena (un po’ gratuita, a dire il vero) che ci fa percorrere i corridoi di una sauna caliginosa. Ingenui e simpaticamente ottusi, scambiano il designer Norman Foster per un parente di Jodie Foster e per un clone del Norman Bates di “Psyco”, film omaggiato con la scena della doccia e rievocato grazie ai rapporti quasi morbosi tra le madri e i figli. Nessuna volontà di rifare Hitchcock, per carità, tuttavia nella pellicola c’è anche un riferimento lunatico a “Marnie”, quando il colore rosso del finale prende il sopravvento.

Si diceva delle madri e dei vincoli anomali con la loro prole. La bizzarra investigatrice di polizia Mila (una disinvolta e centrata Rosa Maria Sardá), accompagnata nelle sue operazioni da un figlio dalla nebbiosa identità sessuale, è al contempo un’agente ardita ma afflitta da fobie di ogni genere: paura dei ragni, degli insetti, di odori vari (come profumi e detergenti), perfino della barba incolta. Per fortuna conosce bene gli effetti delle pastiglie di Diazepam, e prendendo quelle si calma un po’. Tra la voglia di gestire un caso à la C.S.I. e il desiderio di aver a che fare con un serial killer di quelli veri, durante le indagini avrà il vantaggio di non soffrire di vertigini (almeno quelle!) come James Stewart in “Vertigo”.

La madre di Ray invece, è inarrestabile nella sua acredine di suocera arrogante che piomba nella vita della coppia come un asteroide annientatore. E’ una donna che non esita a mettere il gatto nel microonde, o a unirsi ai due protagonisti nelle uscite serali presso i locali a tema, non disdegnando l’idea di entrare in dark room con un accendino. Antonia, questo il suo nome, è il personaggio più retrogrado, fastidioso e chiacchierone, ma anche quello che si inserisce alla perfezione nel quadro di questa “commedia con delitti” pregna di situazioni spassose.

Edificato liberamente su una serie di fumetti, “Chuecatown” è stato realizzato con poco denaro e un discreto acume. Schematico e un po’ ripetitivo, con riflessioni a volte scorrevoli a volte stentate, è da recuperare per una serata dedicata al disimpegno intelligente.

Annunci

17 Risposte

  1. Com’è il film Chuecatown? Sembra simpatico. E come recitano Pepón Nieto, Pablo Puyol, Concha Velasco, Rosa Maria Sardà, Carlos Fuentes ed Edu Soto?

    9 settembre 2010 alle 16:43

    • pompiere

      Ciao Calogero.
      Com’è il film l’ho appena scritto 😉 La recitazione è discreta, nel complesso.

      9 settembre 2010 alle 16:49

      • Chissà se in Spagna si vive meglio. Boh.

        9 settembre 2010 alle 17:09

        • Ah, non saprei. Civilmente penso di sì, per il resto non credo che ci sarebbero molte differenze con l’Italia.

          9 settembre 2010 alle 18:09

          • Mah, preferirei, forse, altri paesi europei. Ma sono stato poco lì.

            19 novembre 2010 alle 23:10

  2. il tromba eremo a manetta

    LA SPAGNA ULTIMAMENTE E’ UN PO’ TROPPO INFLAZIONATA…. DI SICURO COME IN TUTTI I POSTI DI QUESTO MONDO NELLE METROPOLI OGNUNO PUO’ VIVERE LIBERAMENTE LA PROPRIA SESSUALITA’ SE POI UNO SI SPOSTA NELLE PROVINCE.. BEH TUTTO IL MONDO E’ PAESE COMUNQUE LA MERCANZIA A VEDERE DALLE FOTO DI CERTO NON MANCA

    9 settembre 2010 alle 18:33

  3. Mi sa che lo vedrò presto. Orsi tonti… che assurdità (ehm).. 😛

    16 settembre 2010 alle 01:22

    • L’ho gradito proprio perchè gli orsi sono un po’ ingenui… (ehm)… 😛

      16 settembre 2010 alle 09:00

      • Ho appena finito di vedere il film, che entra di diritto nella mia top ten personale.
        E’ divertente, veloce, non ha punti morti, si segue tutto d’un fiato.
        Odio quella stronza della madre di Rey, tanto quanto vorrei fare due chiacchiere in privato con lui (e con Fran se possibile) 😛
        Ho dovuto bere un paio di bottiglie d’acqua per recuperare i liquidi che ho perso in saliva.

        22 settembre 2010 alle 05:25

        • Fran era a casa mia lunedì sera.
          Dopo la sua visita ho dovuto sbattere 3 uova per recuperare… 😉

          22 settembre 2010 alle 08:33

  4. il tromba eremo a manetta

    meglio ingenui che figli di puttana 😀

    16 settembre 2010 alle 11:27

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...