www.pompieremovies.com

IL DESTINO DI UN CAVALIERE


Un film di Brian Helgeland.

Con Heath Ledger, Rufus Sewell, Shannyn Sossamon, Paul Bettany, Laura Fraser.

Titolo originale A knight’s tale. Avventura, Ratings: Kids+13, durata 132 min. – USA 2001.

VOTO: 7,5


Più sceneggiatore che regista, visto che il suo curriculum da scrittore include l’encomiabile “L.A. Confidential” e il trascurabile “Aiuto vampiro”, Brian Helgeland rispolverò nel 2001 il mito dei cavalieri combattenti nelle cosiddette giostre, prendendo le distanze dai soliti film d’avventura che abitualmente trattavano i paladini con un certo rispetto e rigore, alimentando il mito di armi e amori durante l’era medioevale.

Helgeland invece cambia il corso delle stelle, stravolge un po’ le regole e i “corretti” punti di vista mettendo in scena la storia di un giovane e temerario scudiero, di nome William Tatcher (Heath Ledger), che desidera fin da bambino diventare un vero cavaliere. Aiutato e sostenuto in questo da un padre altruista e saggio, William sarà protagonista di rocambolesche vicende, accompagnato da un amico di infanzia, uno scudiero che ha le belle forme di Mark Addy e da Geoffrey Chaucer, interpretato da Paul Bettany.

Dimentichiamo le lucenti armature e le devozioni, sorvoliamo sugli etici e nobili desideri, ridimensioniamo i muscoli per lanciarci piuttosto in un clima spensierato, più somigliante ai cliché dei tempi cinematografici che viviamo e per fortuna distante dalla rivisitazione in stile “Moulin Rouge”. I più categorici si agiteranno di fronte a tanto libero scialacquamento, a tanto ardire nei costumi della bella fanciulla Jocelyn e alle condotte decisamente moderniste, ma nell’insieme la forza dell’azione e il fascino dei protagonisti non può che trascinarci.

E’ vero anche che il tutto può risultare un’iniziativa ordinaria a uso e consumo di un pubblico casual, più che un’idea provocante. D’altronde la regia è a tratti appassionante; ha un’eleganza che rimanda a certo cinema western fatto di ralenti peckinpahiani e primi piani eloquenti, ornati da un briciolo di enfasi. Nonostante la durata e la prevedibilità della trama, la noia non prende mai il sopravvento. Ledger appare un po’ compassato ma gradevole nella sua infantile e cortese audacia, mentre Bettany gigioneggia alla grande in un ruolo brillante e sopra le righe.

Adesso corro a pesarmi e a farmi misurare: spero proprio di non risultare mancante!

Annunci

2 Risposte

  1. Mario56

    A prescindere dalle belle forme di M.Addy (!) il film è pure divertissement , un film anni 50 con contaminazioni rock e qualche battuta “moderna” il tutto miscelato con brio e n pizzico di originalità, il resto è un de-jà che risulta piacevole nonostante la lungaggine che bisogna ammettere ( e qui dò ragione al direttore) non annoia.

    29 agosto 2010 alle 11:16

    • Eheheheh, dai, ammettilo che Addy è fatto bene, su… Poi con quella barbetta mascula… 😉

      29 agosto 2010 alle 14:23

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...