www.pompieremovies.com

PIACERE, SONO UN PO’ INCINTA


USCITA CINEMA: 14/05/2010.


REGIA: Alan Poul.
ATTORI: Jennifer Lopez, Alex O’Loughlin, Danneel Harris, Eric Christian Olsen, Anthony Anderson, Noureen DeWulf, Michaela Watkins, Melissa McCarthy, Tom Bosley.


PAESE: USA 2010. GENERE: Commedia, Romantico. DURATA: 106 Min.




VOTO: 4


Glielo vogliamo trovare un marito alla povera, sola e bruttina (nel film si dipinge così) Jennifer Lopez? Se qualcuno, alla domanda, ha avuto propositi scandagliativi non ha capito proprio niente: rinvenire l’uomo giusto è un lavoro serio, soprattutto per chi ricorre alla fecondazione artificiale nell’attesa di trovare uno sposo e conserva nel guardaroba vestiti per occasioni speciali come uscire con il primo formaggiaio che glielo fa annusare (il pecorino). “Piacere, sono un po’ incinta”, titolo disgraziato in linea con i contenuti, è un tentativo mal riuscito di commedia simpatica e buonista.

Jennifer Lopez, a 40 anni, ci affligge con i sorrisini da Lolita compiaciuta, racconta del suo primo bacio manco fosse una 13-enne, si lecca le dita durante la cena facendo finta di essere spontanea, ha ancora bisogno dei consigli della  nonna e recita come uno dei cani che dimorano nel suo negozio di animali. Il fatto che lei non voglia far sapere di essere incinta a un bamboccione yankee di provenienza  agreste ma coraggioso come una mammoletta, è molto poco vero, noioso e conforme. Con tanto di prove di dichiarazioni amorose davanti allo specchio e reazione inviperita di lui quando, alla prima trombata casereccia in mezzo a numerose forme di cacio, viene a sapere che nella pancia di J.Lo albergano ben due bebè.

Ne consegue un’altra sdolcinata tiritera in attesa del parto: il confronto tra la paura della paternità e la voglia di maternità. Sarebbe da sorvolare sull’illuminante soluzione al problema di non avere sufficiente denaro per la vita che verrà: basta un sorriso, una battuta che non c’entra niente e la crisi economica va a farsi fottere (almeno lei, che non si fa inseminare artificialmente). Non poteva mancare, trito e tristo sotterfugio narrativo, il solito devoto riferimento alla famiglia, all’importanza di sposarsi e procreare, pena l’esclusione dalla società e la sensazione di fallimento.

Ne abbiamo veramente piene le pance di romanticismi costruiti coi Lego ed eretti con lo sputo. Ridateci l’umanità e l’arguzia dei film con Carole Lombard.

Annunci

2 Risposte

  1. iltromba

    la jennifer come attrice e’ terribilus ma ancora qualcuno crede in lei 😀

    21 maggio 2010 alle 10:21

    • Più che sperare in lei credono nei soldi che fa guadagnare 😉

      21 maggio 2010 alle 13:26

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...