www.pompieremovies.com

LA FEBBRE DEL SABATO SERA


La febbre del sabato seraUn film di John Badham.

Con Barry Miller, John Travolta, Karen Gorney, Joseph Cali, Fran Drescher.


Titolo originale Saturday Night Fever. Commedia, durata 119 min. – USA 1977. – VM 14






VOTO: 7


Quando John Travolta girò questo film aveva gia’ una certa notorieta’ dovuta alla serie televisiva “I ragazzi del sabato sera”. Solo successivamente il regista John Badham lo scelse come protagonista di un film che segnò un’epoca e consacrò a livello mondiale il successo della disco music.

Perche’ “Saturday night fever” non e’ solo un film, ma un vero fenomeno di costume con alle spalle incassi favolosi e una colonna sonora che e’ tra gli album piu’ venduti di sempre con all’attivo piu’ di 30 milioni di copie. Arte e vita si fusero insieme in un momento dove le persone ritrovavano la voglia di uscire e divertirsi, in anni di crisi e recessione economica.

La disco music nacque prima della “febbre”, verso il 1973/74 ma e’ il film a confermarne il successo. Come ben tutti sappiamo la carriera di Travolta dopo “Grease”, piano piano cominciò a declinare e si riprese solo nel 1994 grazie a Tarantino che lo volle per “Pulp Fiction”; bene, l’attore sopravvisse anche perche’ percepì una quota di diritto di immagine sull’album della colonna sonora che lo aiutò nei momenti meno felici. Guarda che agilità!

Comunque ritornando in riga questo film descrive un po’ quello che era lo spirito che aleggiava tra i giovani intorno agli anni ’70. Il quadro che ne viene fuori e’ abbastanza interessante. Tony Manero e’ un giovane ragazzo che vive nei sobborghi di New York insieme alla famiglia e che lavora in un negozio come commesso. Non ha ideali politici, non e’ impegnato nel sociale, e la sua unica passione e’ il ballo e l’esibirsi nella discoteca che frequenta, dove gode il rispetto di molti e dove tutte le ragazze impazziscono a vederlo. Durante una sera conosce Stephanie, che e’ praticamente l’opposto di lui: colta, istruita, sa quello che veramente vuole dalla vita, a differenza di Tony il quale vive molto alla giornata tra lavoro, famiglia e amici. Dopo le iniziali diffidenze da parte di lei, i due cominciano a frequentarsi, finchè non parteciperanno alla gara di ballo indetta dalla discoteca.

L’aspetto interessante e’ che, di lì a poco, il precipitare degli eventi fara’ riflettere Tony e lo farà ripensare all’approccio superficiale che lui ha verso la vita stessa. Quindi una specie di rinascita, se vogliamo, anche spirituale di un uomo che vede finire una fase della propria vita e vuole ricominciare da capo.

Lo so lo so, mi sono lasciato forse un po’ troppo andare, ma confesso che questo film e’ uno di quelli che ogni tanto metto su sempre volentieri perchè mi diverte quando vedo ballare Travolta e tutta la gente attorno che lo applaude. L’icona e’ rimasta e la musica ha vinto il tempo entrando nella leggenda. Meglio di cosi’…

Annunci

3 Risposte

  1. iltromba

    pompiere ma avevo messo il video in cui cantavo con i bee gees ero nei miei cenci che peccato che non l’hai postato brutto invidioso

    22 ottobre 2009 alle 17:52

    • pompiere

      Sai com’è… non volevo che i Bee Gees facessero brutte figure. In questo modo gli è stata risparmiata l’umiliazione del confronto con te 😀

      23 ottobre 2009 alle 08:23

  2. agegiofilm

    Io ricordo un festino dei miei fratelli con le musiche del film, avrò avuto 6-7 anni…
    Il Torneo degli Oscar prosegue con il 1985.

    23 ottobre 2009 alle 11:32

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...