www.pompieremovies.com

RITRATTO DI SIGNORA


Ritratto di SignoraUn film di Jane Campion.

Con Shelley Winters, Barbara Hershey, John Gielgud, John Malkovich, Nicole Kidman.


Titolo originale The Portrait of a Lady. Drammatico, Ratings:
Kids+13, durata 144 (137) min. – USA 1996.





VOTO: 7


Questo film, nella carriera di Nicole Kidman, e’ considerato come minore e non riuscito. Io non credo. Rispetto molto Jane Campion che considero una brava regista, e della Kidman ho il massimo rispetto visto che la considero l’unica e brava attrice della sua generazione. Che poi qualche ciambellina non riesca con il buco, va be’, fa sempre parte del gioco…

Innanzi tutto da molto tempo la regista aveva in mente la trasposizione cinematografica del romanzo di Henry James. La storia e’ quella di Isabel Archer, una giovane americana che lascia il suo paese di origine per trasferirsi in Inghilterra e successivamente in Italia. “Ritratto di signora” e’ una storia di iniziazione o, se vogliamo, di una formazione di una fanciulla alla scoperta della vita. Infatti Isabel e’ un’eroina desiderosa di liberta’ e di conoscenza, rifiuta vantaggiose proposte di matrimonio e finisce per sposare un colto snob, presentatole da un’ amica, in cerca di denaro. Solo con il tempo si accorgera’ degli intrighi dei quali e’ stata oggetto, ma oramai il suo destino di solitudine e infelicita’ si e’ compiuto per sempre.

Il romanzo e’ molto complesso e articolato: la sceneggiatrice Laura Jones condensa le 600 pagine in un film di 2 ore e un quarto. Il film e’ solo apparentemente di stampo classico, perche’ la regista ci regala qualche inquadratura sghemba, qualche lazzo che da’ al film uno stampo moderno. Sicuramente “Ritratto di Signora”  e’ un affresco sull’infelicita’ femminile. Ne esce un melodramma sobrio e molto elegante con tre attori, Nicole Kidman, John Malkovich e Barbara Hershey, in stato di grazia e di grande bravura. Bellissima l’ambientazione e gli interni dove si muovono i personaggi….una parte del film viene girata anche a Firenze e nei dintorni di Lucca.

Di grande bellezza la scena iniziale, quasi a dare il messaggio collettivo del film a tutto l’universo femminile e il bellissimo finale aperto che quasi vuol dare una speranza alla nostra eroina.

Un’ultima cosa: se avete voglia recuperate anche la colonna sonora. Vale la pena di ascoltare questa musica di grande impatto emotivo e di momenti di grande suggestione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...