www.pompieremovies.com

MALA NOCHE


Mala nocheUn film di Gus Van Sant.

Con Doug Cooeyate, Sam Downey, Nyla McCarthy, Ray Monge, Tim Streeter.


Drammatico, durata 78 min. – USA 1985.







VOTO: 5


Diciamolo con onesta’, questo primo film di Gus Van Sant non mi ha particolarmente entusiasmato. Pero’, per certi spunti, l’ho trovato interessante e vi spiego il motivo… Non perche’ tratti di amori gay disperati e non corrisposti, anche perche’ a questo ormai ci siamo un po’ tutti abituati, ma perche’, nonostante sia una pellicola di 25 anni fa, parla di un America diversa da come siamo abituati a conoscerla. Il film e’ del 1985 quindi ancora in piena era-Reagan e l’immagine che i media ci davano era quella di una nazione bella, vincente e piena di fascino. Qua la cosa e’ un po’ diversa e quello di cui si parla e’ un mondo fatto di emarginazione e solitudine. Un mondo di vinti, senza futuro e senza speranza. Le basi ci sono tutte per quelli che saranno i personaggi futuri delle pellicole successive del regista, e penso a “Drugstore Cowboy” (film bellissimo, tra l’altro). La vera protagonista del film e’ Portland, citta’ molto bella, affascinante e un diversa da altre citta’ americane: i suoi abitanti sembrano tutto, fuorche’ cittadini americani. Sembrano tanti disadattati che vivono ai margini della citta’. E in fin dei conti lo sono: il negozio dove lavora il protagonista ne e’ la dimostrazione lampante.

Il film fu girato con un budget limitatissimo per l’epoca, 25 mila dollari, e si vede, anche perche’ e’ un film grossolano. Ma Van Sant ha saputo dimostrare negli anni di essere un grande talento e, in questo esordio, si avvale di una buona sceneggiatura e di belle immagini di personaggi persi nel tempo, nelle loro solitudini. Molto bello il bianco e nero sgranato. Uno dei protagonisti del film di Van Sant

Avevo letto il libro di Walt Curtis, un racconto autobiografico che parla di un commesso di un negozio che incontra Johnny, un messicano immigrato illegalmente negli Stati Uniti e se innamora, anche se non verra’ mai ricambiato. Finirà così per fare l’amore con il suo amico Pepper, che di giorno pero’ non lo considera nemmeno. Per conquistare Johnny invita tutte e due a fare una gita in macchina ma alla fine Pepper viene ucciso dalla polizia e l’altro scompare nel nulla.

Ve l’ho detto all’apertura, Van Sant ha fatto di meglio negli anni a venire; penso a “Elephant”, per esempio. Comunque e’ un opera di tutto rispetto, lucida e compatta. Se non avete letto il romanzo autobiografico di Curtis ve ne consiglio vivamente la lettura.

A risentirci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...