www.pompieremovies.com

ZOMBI


ZombiTitolo: Zombi.

Genere: Horror. Anno di produzione: 1978. Nazione: United States. Durata: 115’.


Regia: George A. Romero
Cast: David Emge
Ken Foree
 





VOTO: 7


“Zombi” e’ un film strano per essere dell’orrore e di sicuro non lo e’. O forse lo e’ solo in parte. Perche’ in se raccoglie elementi di sociologia e di natura politica. Durante il corso degli anni piu’ lo guardo e piu’ mi inquieta, e piu’ mi inquieta e piu’ capisco quanto sia, nonostante siano passati trent’anni, ancora cosi’ tremendamente attuale. Gli zombi sono stati in passato umani ma degli umani conservano ancora in se’ la parte piu’ animale, quella dell’olocausto che ci porterebbe a scannarci l’un l’altro se non avessimo davanti le nostre censure interiori e i nostri maledetti freni inibitori. "Ho più voglia di qualcosa di buono"

Ma e’ di sicuro la migliore metafora sul capitalismo e il consumismo sfrenato che deteriora i nostri rapporti umani e sociali. Infatti si ambienta in un centro commerciale e gli zombi ci vagano senza una meta  precisa… avete mai visto la gente la domenica che si mette in fila ai centri commerciali? Beh, gli zombi romeriani sono a loro simili e le loro facce si somigliano un po’ tutte. Il consumismo e’ cosi’: rende tutti zombi capaci di scannarsi l’uno con l’altro. Ti illude e deve illuderti perche’ di questo si nutre; ma non  c’e’ distinzione per nessuno. Senza una via di scampo e senza un’ alba di speranza. La mia generazione sta vivendo l’olocausto di anni e anni di popolamento di zombie e mangiafuochi che con i loro fili hanno permesso che si arrivasse all’alba del giorno dopo.

Comunque questo film fa parte di un trittico che parte con “La notte dei morti viventi” e si conclude con “Il giorno degli zombi” del 1986. Tutti i tre i film vanno visti. Questo viene prodotto con un budget limitatissimo per l’epoca e incassa 40 milioni di dollari. Dei tre e’ di sicuro quello di maggior successo e uno dei migliori incassi di Romero di sempre. Un regista che a un certo punto della sua carriera si perde e non e’ piu’ capace di darci la vena sarcastica e pungente dei suoi lavori migliori.

Argento qua compare come produttore del film e come curatore della colonna sonora che e’ dei Goblin. I due si videro spesso anche durante la stesura della sceneggiatura anche se poi il film presenta varie versioni a seconda dei mercati di distribuzione. Infatti la versione voluta dal regista e’ di 140 minuti mentre la versione che circolava anche nelle reti televisive era inferiore alle 2 ore. In seguito il film verrà tagliato di alcune scene di cannibalismo tra Ramon e sua moglie.

Annunci

Una Risposta

  1. …quela nella locandina… sembra quasi quaai la tua pelata!!! AHAHAHAHA

    27 luglio 2009 alle 15:02

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...