www.pompieremovies.com

BEEFCAKE


BeefcakeTitolo originale: Beefcake.

Regia: Thom Fitzgerald.

Con: Joe Dallesandro, Daniel MacIvor.


Genere: Documentario. Produzione: Canada. Anno: 1999. Durata: 97 min.





VOTO: 7


Bob Mizar e’ morto a settant’anni, completamente solo e quasi dimenticato da tutti. Eppure e’ stato un uomo che alla cultura gay ha dato tantissimo e quasi nessuno lo sa. Questo film ne racconta la storia. La sua storia intima e personale, di un uomo che ha lottato per affermare le sue idee e che ha scontato tutto fino in fondo. Il “beefcake” e’ un uomo bisteccone, buono da mangiare e nasce dall’unione tra manzo e torta; quindi un uomo appetibile e buono come il pane. Noi oggi siamo abituati a vedere i nostri stereotipi: il macho, il marinaio, l’operaio e li ricolleghiamo agli anni ’70, ma tutto era stato inventato 20 anni prima o giu’ di li. Anni duri di maccartismo e repressione. Lo stesso protagonista  scriveva i suoi diari in codice per paura delle persecuzioni. Il film e’ fatto tipo documento fiction e alterna momenti reali ad immagini di repertorio. Un film necessario ed indispensabile per capire chi eravamo 50 anni fa e perche’ anche questa e’ una parte della nostra storia che non va certo dimenticata.

Bob Mizar fonda insiema alla madre la “Athletics Model Guide” una specie di factory che diventa il punto di partenza per tanti ragazzi dell’epoca che scappavano dalla campagna per andare in citta’ in cerca di fortuna e di successo. Una sorta di Eden dove per molte ore al giorno giravano nudi e si facevano fotografare in pose che rimandavano alla mitologia classica, come in uso in quel periodo. Ma la vera sorpresa del film e’ la figura della madre che fu molto permissiva con il Bob e amministro’ lei stessa la societa’ durante il periodo di prigionia del figlio. Una copertina della rivista

Insieme ai filmati d’epoca ci sono anche numerose interviste a chi visse e ruoto’ intorno al mondo di Mizar tra cui un JOE DALLESANDRO che nei filmati d’epoca era veramente notevole.

Quando il film usci’ molti critici storsero il naso per le troppe presenze di nudo ma e’ solo invidia, credetemi. Anche perche’ la g****a piace a qualcuno ma lo g****o piace a tutti, e qua ce ne sono tanti . Questo film e’ un vero spasso per gli occhi.

Date retta al vostro iltromba. Questi sono tempi di poche parole, quindi se volete tirarvi su il morale dateci un occhio e poi mi dite.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...