www.pompieremovies.com

BASIC INSTINCT


Basic instinctUn film di Paul Verhoeven.

Con Michael Douglas, Sharon Stone, George Dzundza, Jeanne Tripplehorn, Dorothy Malone.



Thriller, durata 127 min. – USA 1992.





VOTO: 6


Sharon Stone e’ entrata nella storia del cinema.

C’e’ Marlene nell’ “Angelo azzurro”. Greta in “Mata Hary”. Liza in “Cabaret”. Marilyn in “Quando la moglie e’ in vacanza” e anche lei in “Basic Instinct” nella famosa scena dell’interrogatorio. E tutto per un pelo di t***. Confermando il detto che tira piu’ un pelo di *** in salita che cento bonazzi in discesa. Negli anni ho constatato amaramente che e’ cosi’. Ma io vado per i bonazzi in discesa, risparmio e con la legge di gravita’ evito fatiche e mi procuro piacere. Comunque siamo seri; noi oggi siamo abituati a vederla solare ed allegra ai party di beneficienza in favore dei fondi per l’Aids ma per lei non e’ stato tutto rose e fiori, anzi. La passione si scatena in discoteca

Spesso si pensa che quell’attore e quell’attrice siano famosi perche’ hanno scelto bene il film di successo, ma il cinema ci insegna che spesso si tratta solo di fortuna. Lei comincia la gavetta nel 1980 con una particina in un film di Woody Allen e prosegue per circa un decennio tra brutti film ( vedete “Scissor” e poi mi direte) e parti scemotte. Nel 1990 e’ Paul Verhoeven a dargli una parte nel film “Atto di forza” che ha un discreto successo. Nel 1992 l’olandese regista ha in mente” Basic Instinct”. In un primo momento per la protagonista femminile vengono interpellate attrici del calibro di Julia Roberts, Michelle Pfeiffer e Sigourney Weaver. Ma il personaggio viene ritenuto non idoneo ad attrici del loro calibro e tutte rifiutano. Sharon dice, mentre accetta la parte, che  se il film non avra’ successo si ritirerà.

Il film viene presentato in concorso a Cannes ed e’ un trionfo. E’ il film che consacra Sharon Stone come attrice a livello mondiale ed e’ un vero boom al botteghino.

Diciamolo con onesta’. E’ un film furbone in tutto e per tutto.

Lei e’ una delle mie piu’ belle apparizioni al cinema e non sara’ mai piu’ cosi’ piena di luce anche se si rivelera’ ottima attrice (guardatela in “Casino”). Gli ingredienti ci sono tutti. La femme fatale di turno rimpolpata con gusti anni ’90 quindi con una rivelata bisessualita’ tanto in voga in quegli anni.

Il poliziotto sfigato che si innamora dell’eroina del film e si lascia trascinare nei suoi intrighi a volte pasticciati (anche perche’ la stessa sceneggiatura fa acqua dappertutto). Un po’ di coca che svolazza per tutto il film. E molto sesso esibito cosi’ spudoratamente ed e’ cosa strana per un film di fattura americana…. Che pero’ funziona e si lascia guardare bene e ringraziamo il nostro punteruolo per il ghiaccio.

Anche al sottoscritto piacciono i bordi ruvidi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...