www.pompieremovies.com

UNA NOTTE AL MUSEO 2 – La fuga


Una notte al museo 2 - La fugaUn film di Shawn Levy.

Con Ben Stiller, Amy Adams, Owen Wilson, Bill Hader, Hank Azaria.


Titolo originale Night at the Museum 2: Battle of the Smithsonian.



Commedia, durata 105 min. – USA, Canada 2009. – 20th Century Fox.

Data uscita: 22/05/2009.



VOTO: 3

Dopo 3 anni, durante i quali ci siamo illusi di tenere lontani dai nostri sguardi ulteriori avventure notturne su guardiani notturni di musei notturni, ecco che la 20th Century Fox ha pensato bene di replicare il successo commerciale del primo “Night at the Museum”. E quindi ritroviamo il nostro eroe Larry, un paio di anni dopo le ultime peripezie al Museo di Storia Naturale, che fa telepromozione per una torcia fosforescente, per l’osso super saporito, per il portachiavi imperdibile e la sega elettrica superturbo.

E’ diventato un manager di successo a capo della “Daley Devices”, è rispettato, è un vero (?) capitano d’industria. Per la verità, visto lo sguardo truce impostato subito da Stiller, sembra contento come se stesse partecipando al suo funerale; si vede che lavora senza tanta passione e trasporto, insomma. Ha nostalgia per il vecchio, caro Museo di Storia e, ogni tanto, passa a far visita alle sue “figurine”. Senonché, all’improvviso, scopre che i suoi amori serali prediletti stanno per essere trasferiti negli archivi federali del Museo Smithsonian, a Washington DC, e chiusi in un deposito. Non appena Larry potrà raggiungerli, le creaturine prenderanno di nuovo vita e sarà subito “awake time!”.

In un quarto d’ora la storia è già tracciata e lo sguardo di Ben Stiller troppo serioso per credere che assisteremo a una commedia. Ma tant’è, si vede che il bravo attore non aveva tra le mani progetti migliori di questo (difficile da credere, ma vogliamo sperare che sia questo il motivo che l’ha spinto a partecipare a questa fesseria).

Lo accompagnano nell’infelice avventura Amy Adams, nei panni di Amelia Earhart, la prima donna a sorvolare l’Atlantico, e lontana 1000 miglia dalla splendida prestazione offerta in “Il dubbio”, Owen Wilson, la miniatura del west, chiuso per gran parte del film in un container o in una clessidra, e comunque non pervenuto a livello di recitazione, più qualche altro volontario dell’ultimo minuto come Hank Albert Azaria e Alain Chabat.

Prodotto dallo stesso regista Shawn Levy e da Chris Columbus, i quali hanno fatto tabula rasa di ogni forma di intelligenza che già faticava a emergere dal primo episodio, il film si distingue anche e soprattutto per una scelta di doppiaggio “de’ noantri” sventurata e clamorosamente fallimentare. Pensate che si è avuto la geniale trovata di far doppiare una guardia giurata nientemeno che in napoletano (con battute prontamente incentrate su Maradona), mentre il Faraone dei Faraoni Kah Mun Rah si arricchisce di una dizione “con la lisca”: un’idea fuori luogo e superata quanto il film.

All’egiziano è concessa pure una battutona sul “cubo di Kubrick” (quando il genio non ha confini…). Ma abbiamo a che fare con sceneggiatori americani da quattro soldi, mica pensano: loro agiscono, poveretti. E poco importa se i dialoghi risultano incomprensibili ai bambini e irritanti agli adulti: gli adattatori dei dialoghi italiani, poi, hanno cambiato e/o aggiunto interi dialoghi. Il Terribile e il Faraone

Con il procedere all’interno dei corridoi del museo, aumenta il profumo di bailamme adrenalinico e saltano fuori figure da tutte le epoche e di tutte le forme. Ma, ne’ i colori, ne’ la loro portata storica, fanno alzare il livello di interesse: contro Larry e i suoi eroi di stampo americano arrivano Ivan il Terribile (prodigo di una serie di “Da, Da, Da” che fan girar la testa), Napoleone Bonaparte (“Merci”, “Voilà”, “Paris”, più un didascalico pistolotto su Berlusconi), Al Capone (e qui non si va al di là di paroloni oculati come “Picciotto”, “Compare” e compagnia cantante). Assistiamo a un “USA contro il Resto del Mondo” davvero lontano da qualsiasi ideale di rinnovamento politico e storico predicato e maturato sotto la gestione-Obama, poco educativo per i fanciulli che si avvicinano, magari per la prima volta, al cinema.

Anche un po’ di turpiloquio di bassa lega non guasta, come quando il centurione romano invoca: “Totti, aiutami tu, perché me sto a cagà sotto…”. Ormai è lo sbando che ha preso possesso delle operazioni, la narrazione procede a salti come gli occhi degli spettatori, fuoriusciti dalle orbite in un disperato tentativo free lance di fuggire allo strazio; altro che “torture movies” in arrivo dall’ultimo Cannes!

Annunci

2 Risposte

  1. leobear78

    Al di là dell’effettivo valore di un film, la questione del doppiaggio italiano andrebbe seriamente affrontata una volta per tutte!Troppe volte abbiamo visto opere, anche molto belle, letteramente assassinate nella versione italiana!Onestamente non credevo si potesse fare di peggio di quello che è stato fatto con Shaolin soccer per il quale Stephen Chow andrebbe risarcito!Per non parlare dei titolisti italiani…ma quì sfondo una porta aperta!

    26 maggio 2009 alle 17:43

    • pompiere

      Se non hanno fatto peggio di Shaolin Soccer, possiamo dire che si piazzano saldamente al secondo posto 😉

      Il discorso sarebbe lungo e complesso: diciamo che, in fondo, vista l’importanza del film, possiamo anche chiudere…le orecchie.

      26 maggio 2009 alle 17:46

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...