www.pompieremovies.com

WASABI


Wasabi“Wasabi”

Cast: Jean Reno, Ryoko Hirosue, Michel Muller, Carole Bouquet, Ludovic Berthillot, Yann Epstein, Michel Scourneau, Christian Sinninger, Jean-marc Montalto, Alexandre Brik.

Regia: Gerard Krawczyk.

Sceneggiatura: Luc Besson.


Data di uscita: Venerdì 6 Settembre 2002.

Genere: Azione/Commedia/Drammatico.


 

VOTO: 4,5

Hubert Fiorentini (Jean Reno) è un flic dalle maniere sbrigative. Non bada certo ai fronzoli quando ha a che fare con i malviventi (se non bastano le botte, ricorre a proiettili e bombe!) e, durante una zuffa in discoteca, mette per sbaglio k.o. nientedimeno che il figlio del Prefetto di Parigi. Inevitabili sono i 2 mesi di stop impostigli dal capo della Polizia, il quale lo invita a ritrovare equilibrio e serenità, suggerendogli di farsi una famiglia o, quantomeno, di rilassarsi con le donne.

Il nostro poliziotto smarrito prova così a indossare in via eccezionale qualche camicia di lusso, mettere su del profumo seducente, pensare di meno al golf (il suo sport e passatempo preferito) e di più all’altro sesso. Sembra quasi convinto che i cazzotti e la vita spericolata non facciano più per lui, e tenta di improvvisare una cena a lume di candela con la bella Carole Bouquet. Ma Hubert non si fida più delle donne: una storia finita male ben 19 anni prima ha chiuso per sempre sottochiave il suo cuore.

Se non che, un’improvvisa telefonata dal Giappone gli annuncia la tragica scomparsa di Niko, la sua ex, e lui si reca nel paese del Sol Levante per partecipare alle esequie… Jean Reno e la sciroppata Ryoko Hirosue

Fino a qui tutto sembra filare liscio nella pellicola diretta da Gérard Krawczyk: pimpante, sobria, simpatica, e con il personaggio di Reno decisamente accattivante. Ma quando l’azione si trasferisce  in Giappone, si vede che lo zampino di Luc Besson (che qui scrive e produce) prende il sopravvento: dal momento dell’incontro di Fiorentini con la figlia Yumi lasciatagli in “eredità”, il film scade (si mettono in scena capelli colorati e vestiti sfarzosi solo come pretesto di lusinga visiva, entrano in gioco personaggi strambi e tagliati con l’accetta, arredamenti con un design forzatamente high-tech, altre prevedibilità narrative e via americanizzando). La giovane Yumi si dimostra da subito fastidiosa per le sue continue effusioni e le sue insostenibili mossette di eccitata partecipazione.

Sono individuabili richiami a “Leon” e a “Quinto elemento” ma nella peggiore asserzione del confronto, perciò Besson rimanda a Krawczyk il compito più ingrato: quello di far sembrare presentabile una pellicola che non lo è.

Jean Reno sfoggia per lo più un’espressione da coglionazzo spaesato (forse pensava che si sarebbe reso simpatico?), palesemente imbarazzato dal soggetto al quale cerca di adattarsi e la regia scorre via improvvisata, perdendo così di vista i buoni propositi della sceneggiatura iniziale.

In Giappone, Hubert fa coppia con Michel Muller (visto in “Train de vie” e di solito protagonista in televisione), il quale interpreta una specie di agente segreto un po’ distratto dai ritmi della cosmopolita Tokyo. Le scene condivise con Muller ci offrono una gradevole variante di coppia comica e sorge il sospetto che, se il film fosse stato incentrato esclusivamente su di loro, ne avremmo guadagnato in sobrietà.

Un altro pregio del film è da riconoscere sicuramente nella durata: fosse stato allungato anche solo di 10 minuti avremmo corso il rischio dell’abbiocco istantaneo. La sceneggiatura, infatti, cominciava a farsi statica e laconica.

Non è così che si riesce a rendersi autonomi dai film action hollywoodiani se, a costo di raggiungere i più grandi mercati mondiali, non si è in grado di realizzare pellicole inedite; e ciò non può essere che motivo di vergogna per l’industria cinematografica francese (o quantomeno per quella bessoniana). Invece di essere piccante come il wasabi del titolo, il film risulta un condimento pastoso color verdognolo, insipido come il sapore di un campo sintetico da golf e non possiamo che uscire profondamente delusi da tanta banalità e approssimazione.

Annunci

2 Risposte

  1. Satanik

    Maddai io l’ho trovato un film gradevole e divertente, anche se con l’aria da coglionazzo Jean Reno mi ha fatto divertire tantissimo, sia per i cazzottoni, soprattutto con la banda delle trans all’inizio che per i colpi da golf, memorabile quello contro il ladro di macchine…mi ha fatto passare un ora e mezza ridere ed anche un po a commuovermi.

    22 maggio 2009 alle 21:34

    • pompiere

      La scena con le trans è piaciuta anche a me, così come il colpo al ladro dato così, con disinvoltura 🙂

      22 maggio 2009 alle 23:08

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...